Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / I fatti del giorno
Spalletti official scugnizzo: "Dispiaciuto per l'addio, ma volevo preservare la bellezza del titolo"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 8 dicembre 2023, 00:34I fatti del giorno
di Daniel Uccellieri

Spalletti official scugnizzo: "Dispiaciuto per l'addio, ma volevo preservare la bellezza del titolo"

Luciano Spalletti è un cittadino onorario della città di Napoli, dopo che la Giunta comunale, su proposta del sindaco Gaetano Manfredi, ha approvato la delibera con la quale l'ha conferita all'allenatore che ha riportato lo scudetto nel capoluogo campano dopo trentatré anni. "Non ho ancora preso casa a Napoli per il momento, però è una cosa che può succedere anche perché da questo momento sono un official scugnizzo. La cittadinanza ha un significato enorme che veramente mi riempie di soddisfazione, di gioia, di felicità. Perché poi oltre quello che sono i risultati viene determinato quello che è il legame tra me e i napoletani, che è una cosa magnifica", ha detto l'attuale CT azzurro.

"Che responsabilità che mi date. Ringrazio il sindaco e i consiglieri, Giuntoli, De Laurentiis, anche per essere qui oggi, ringrazio la società e i giocatori, artefici della bellezza in giro per il mondo. Sono emozionatissimo, avevo una squadra fortissima, è stato detto che tutti potevano vincere. Questa onorificenza dimostra il legame umano con la gente di Napoli. Quando sono diventato allenatore del Napoli ho chiesto uno stadio che ci sostenesse sempre, dopo una media di 20-25 mila spettatori la media è cresciuta, lo stadio è sempre stato pieno. Napoli è casa mia. Io non merito tutto questo, nessun comune mortale può meritarlo, quindi grazie. Voglio mostrare il video fatto ai calciatori che ho mostrato a loro prima dell'ultima partita, non c'era bisogno di discorsi. Avevo detto che l'avrei tenuto per me, ma questa è l'occasione per mostrarlo a tutti. Io tifoso del Napoli? La squadra è fortissima come ha detto spesso De Laurentiis e come ho detto spesso io e come hanno fatto vedere lo scorso anno. A volte ci sta nel calcio di passare dei momenti belli o meno belli ma le potenzialità di questa squadra sono fuori discussione.


Perché sono andato via? E' un discorso un po' più profondo che merita più tempo, è una cosa che è dispiaciuta anche a me, volevo anche preservare questa bellezza che avevo nel cuore senza rimetterla subito in discussione dato che è una rosa che nessuno può sentire se non la sente direttamente come l'ho sentita io.
Alla cerimonia era presente anche il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis: "Non ho ancora preso casa a Napoli per il momento, però è una cosa che può succedere anche perché da questo momento sono un official scugnizzo. La cittadinanza ha un significato enorme che veramente mi riempie di soddisfazione, di gioia, di felicità. Perché poi oltre quello che sono i risultati viene determinato quello che è il legame tra me e i napoletani, che è una cosa magnifica".