Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
Barcellona, Xavi: "Il Napoli ci ha dominato per 10'. L'1-1 non è arrivato per un calo fisico"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 23 febbraio 2024, 15:00Serie A
di Alessio Del Lungo

Barcellona, Xavi: "Il Napoli ci ha dominato per 10'. L'1-1 non è arrivato per un calo fisico"

Xavi, allenatore del Barcellona, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del Getafe, tornando anche sulla partita di Champions League disputata mercoledì contro il Napoli: "Non abbiamo subito il pari per una questione fisica, siamo stati molto bravi. È dipeso più da un fattore mentale, avevamo segnato lo 0-1... La squadra stava regredendo. Era ora di calmarsi. Ci hanno dominato per 10 minuti e abbiamo pareggiato, è andata così".

Xavi parla anche dei singoli: "Gundogan gioca per il suo ruolo e per la qualità che ha. Fa la differenza. Su Araujo non ho dubbi, per me lui è il presente e il futuro del Barça. È uno dei leader dello spogliatoio e fondamentale per il futuro del club. In generale comunque parliamo molto e dobbiamo agire. Non possiamo fallire in nessuna partita. Sono tutte finali se vogliamo vincere LaLiga e la Champions League".


Xavi, dopo aver annunciato l'addio a fine stagione, torna poi sul suo successore: "Che doti dovrà avere? Non lo so. Deco deve decidere, ma il DNA del Barcellona deve avere continuità. La mia decisione era necessaria. La squadra e il club hanno bisogno di un cambiamento. La squadra ha fatto un passo avanti. Abbiamo giocato meglio in certi momenti. La decisione è stata giusta. Siamo pronti per competere. Due giorni e mezzo per gareggiare sono pochi e ci aspetta una partita difficile. Penso che sarebbe stato meglio giocare domenica o lunedì. Dovevamo giocare in questo periodo, ma non è una scusa, gareggeremo e cercheremo di prendere i tre punti. Non ha senso".