Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Serie A
Empoli-Napoli 1-0, le pagelle: la peggior prova per Calzona, la migliore per NicolaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 21 aprile 2024, 06:10Serie A
di Pierpaolo Matrone

Empoli-Napoli 1-0, le pagelle: la peggior prova per Calzona, la migliore per Nicola

Risultato finale: Empoli-Napoli 1-0

EMPOLI
Caprile 6 - Si aspettava un pomeriggio sicuramente più movimentato, qualche uscita alta e una parata su Kvaratskhelia. Per il resto non è mai chiamato in causa dagli attaccanti partenopei.

Bereszynski 7 - Il polacco non sbaglia un intervento, prova attenta e determinata nell'ormai nuova posizione da braccetto. Non soffre la battaglia con il georgiano Kvaratskhelia.

Walukiewicz 6,5 - Non ai livelli di Luperto ma sempre molto attento, centrale dei tre di difesa di Davide Nicola. Bello il confronto con Osimhen, ne esce vincitore senza troppi patemi d'animo.

Luperto 7 - Partita da ex per il centrale di Nicola, pulito, ordinato e soprattutto determinato. Sempre puntuale nelle chiusure, tiene bene la retroguardia dell'Empoli e domina nel gioco aereo.

Gyasi 6,5 - Bene in entrambe le fasi, laterale a tutta fascia. Chiamato a sorvegliare e raddoppiare Kvaratskhelia, dopo nemmeno quattro minuti trova anche l'assist vincente per la rete di Cerri.

Grassi 6,5 - Buona prova da parte di un altro degli ex di giornata, partita disciplinata in mezzo al campo. Gioca semplice, dà un buon ritmo alla manovra della formazione toscana. Dal 83' Bastoni sv.

Maleh 7 - Come nella partita d'andata, risulta uno dei migliori in campo per dinamicità e continuità di rendimento durante tutto il corso della sfida. Lotta e palleggia, smista e contrasta.

Pezzella 6 - Partita più difensiva rispetto a Gyasi sul versante opposto, rimane spesso bloccato per far fronte alle giocate di Politano. Limita l'ala del Napoli e vive un pomeriggio abbastanza tranquillo. Dal 83' Cacace sv.

Cambiaghi 6 - E' in palla in quest'ultimo periodo, lo dimostra anche nel pomeriggio del Castellani ma spreca la grande occasione per il raddoppio. A tu per tu con Meret trova soltanto il palo. Dal 70' Cancellieri 6 - Prettamente compiti difensivi nel finale, vede poco la metà campo avversaria.

Fazzini 7 - Qualità. Una partita qualitativamente altissima da parte del centrocampista dei toscani che gioca da trequartista, dà il via all'azione del gol di Cerri poi delizia il pubblico di casa con un paio di giocate d'alta scuola. Dal 70' Zurkowski 6 - Prova a guidare qualche contropiede nel finale.

Cerri 7 - Preferito a Niang dall'inizio di gara, la scelta di Nicola paga dopo nemmeno quattro minuti. Stacco perfetto e vantaggio toscano, tre anni dopo l'ultima volta. Però la sfortuna è dietro l'angolo, un problema al flessore lo costringe a lasciare presto il campo. Dal 21' Niang 6 - Entra a freddo e serve un assist perfetto, poi sprecato da Cambiaghi. Poi riceve pochi palloni anche perché nella ripresa l'Empoli si schiaccia dietro.

Davide Nicola 7 - Tre punti di vitale importanza, una prova di carattere e subito in discesa dopo quattro minuti. Il gol iniziale poteva essere un'arma a doppio taglio ma, complice anche la brutta prova del Napoli, porta a casa un risultato pesantissimo per la corsa salvezza. Un Empoli ben messo in campo, corto e pericoloso ad ogni spazio lasciato dai partenopei. Con questo spirito la salvezza non è un miraggio. Per la prima volta in stagione mette in fila due vittorie consecutive al Castellani.


NAPOLI
Meret 6 - Non ha colpe sul gol subito, in un'altra azione deve ringraziare il palo e per il resto non deve neanche intervenire.

Di Lorenzo 4,5 - C'è un solo uomo in area, Cerri, lui ce l'ha davanti, lo vede, ma non lo segue e il Napoli va subito sotto: responsabilità anche sua, forse più di tutti. Ennesima sbavatura difensiva della sua stagione. Che fine ha fatto il capitano visto la scorsa stagione?

Ostigard 5 - Stavolta gioca sul suo piede, il destro, ma commette qualche errore di scelta, qualche altro di concetto, qualcuno tecnico. Insomma, di tutti i tipi.

Juan Jesus 5 - Si fa superare con troppa facilità almeno in un paio di occasioni. Fa fatica contro chiunque passi dalle sue parti. Impacciato anche nella costruzione.

Natan 4,5 - Prima da titolare con Calzona, ma non sfrutta la chance. Viene saltato sistematicamente da Fazzini, spesso viene beccato troppo sulle gambe e sorpreso. Al 45' l'allenatore lo boccia e lo toglie dalla mischia, la sensazione è che con Calzona non lo rivedremo più. Dal 46' Mazzocchi 6 - Meglio del predecessore. Nonostante l'influenza, sembra almeno voler sudare la maglia, a differenza del resto della squadra.

Anguissa 5 - Un fantasma per larghi tratti di partita. Troppo macchinoso e così la catena di destra s'inceppa. Dall'89' Simeone s.v.

Lobotka 6 - Lo si vede spesso con le braccia larghe, come a dire: "Posso mica fare tutto da solo?". Corre a tutto campo, chiede movimenti ai compagni durante le sue tante conduzioni, ma non viene aiutato da nessuno.

Zielinski 5 - Nelle ultime gare era apparso in crescita, oggi è tornato quello di febbraio e marzo: mai incisivo, tutto fumo e niente arrosto.

Politano 5 - Il migliore della stagione del Napoli stavolta non fa eccezione e vive un pomeriggio difficile, in cui non gli riesce niente a differenza delle altre partite. Dal 72' Ngonge s.v.

Osimhen 5 - Solo, isolato, ma ci mette anche del suo per rimanere fuori dalla partita. Pigro nel rientrare dal fuoriogoco, oggi non arreca timore agi avversari neanche quando i compagni gliela danno in profondità. Annullato.

Kvaratskhelia 5,5 - Le pochissime iniziative del Napoli portano la sua firma. Certo, è poco, troppo poco e infatti la sufficienza non la merita, ma forse è il meno colpevole di questo scempio. Dal 72' Raspadori s.v.

Francesco Calzona 5 - Il Napoli subisce gol da due mesi e 14 partite di fila. Ogni volta che una squadra avversaria attacca la linea, può far male agli azzurri: il problema più grosso della sua gestione è lì, in difesa. Oggi combina poco o nulla anche in attacco: chiude con un solo tiro in porta, neanche chissà quanto pericoloso, e una sconfitta che sa di addio all'Europa che conta, chissà se anche all'Europa in generale. La peggior prestazione della sua gestione.