Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Barcellona, Xavi sul cambio: "Con Mazzarri giocavano anche a 5, con Calzona credo a 4"
martedì 20 febbraio 2024, 23:40Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Barcellona, Xavi sul cambio: "Con Mazzarri giocavano anche a 5, con Calzona credo a 4"

Nella conferenza stampa odierna dal Maradona, il tecnico del Barcellona Xavi ha parlato diffusamente del cambio del Napoli in panchina

Nella conferenza stampa odierna dal Maradona, il tecnico del Barcellona Xavi ha parlato diffusamente del cambio del Napoli in panchina: "Per noi tornare agli ottavi rappresenta una speranza. Vogliamo arrivare ai quarti. Domani dovremo far vedere tutto ciò su cui abbiamo lavorato, ci sono i presupposti per fare una grande partita. Il Napoli ha cambiato allenatore in maniera sorprendente. Avranno avuto sicuramente i loro motivi. Si tratta di un allenatore che ha già lavorato qui. Nn è facile preparare la partita con questo cambio di allenatore, ma noi dovremo mostrare personalità e fare tutto bene, in attacco e in difesa, anche perché giochiamo contro i campioni d'Italia. Politano, Osimhen e Kvaratskhelia formano un gran bell'attacco, sono giocatori di primissimo livello".

Cosa ti aspetti dal nuovo Napoli? "Non lo so, domani vedremo che assetto tattico verrà utilizzato. Ma ci cambia molto poco. Stiamo analizzando il modo di giocare del Napoli, che con Mazzarri faceva anche la difesa a cinque, con Calzona saranno a quattro, ma non è tanto importante. La cosa più importante è avere il dominio in campo, al di là dell'allenatore della squadra avversaria".