Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Chiariello: "Mi dicono che Buongiorno sa di dover andare via e ha già salutato Torino"
giovedì 13 giugno 2024, 17:40Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Chiariello: "Mi dicono che Buongiorno sa di dover andare via e ha già salutato Torino"

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio Umberto Chiariello, è intervenuto con il suo editoriale

A Radio Napoli Centrale, nel corso di Un Calcio alla Radio Umberto Chiariello, è intervenuto con il suo editoriale: "Facciamo il punto della situazione sulla costruzione del Napoli di Conte. Conte da par suo si è messo subito al lavoro, andando a controllare le strutture a Castel Volturno, verificando il suo ufficio, il suo staff che viene integrato di un’ulteriore persona, un nutrizionista ex calciatore. Conte sta parlando con i singoli calciatori, vuole sapere su chi può contare, far conoscere le sue idee, si sta facendo parte attiva come fece Benitez nel proporre il suo progetto a calciatori che possono venire a Napoli. Si è detto dal primo giorno che Conte è l’uomo giusto per Napoli per una serie di motivi: il tecnico vincente qual è, il fatto che non si accontenti, dichiarare di essere ambiziosi. Si è detto anche che Conte ha una qualità che hanno in pochi: uno straordinario riattivatore nel breve periodo. Tra gli altri fattori, poi, c’è la sua maniacalità, il fatto che faccia lavorare tantissimo i suoi calciatori.

Resta un fattore ulteriore per cui Conte è importantissimo: è un attrattore. Mancando le Coppe, a Napoli, diventa difficile mantenere un organico che l’anno scorso ha vinto il titolo, ma ancor più convincere a venire a Napoli calciatori di primo piano che possono avere una vetrina europea. Tutti sappiamo che è intervenuto personalmente su Di Lorenzo – con una situazione in bagnomaria fino a fine giugno – e spero e penso che Giuffredi e Conte possano ricucire questo strappo. Sappiamo anche che Conte ha incontrato Buongiorno che, mi dicono, sa di dover andare via ed ha salutato Torino. Hermoso è vicino, abbastanza possibile, lo stanno spingendo i suoi consiglieri.

Ripartire con Hermoso e Buongiorno e trovare un paio d’esterni per completare la rosa dei centrali, significa ripartire dal reparto che ha più bisogno. Per il centrocampo si vedrà, uno buono va fatto e in attacco c’è da capire chi sarà la coppia di attaccanti centrali posti che vadano via Osimhen e Simeone. C’è da aggiungere che il Napoli quest’anno ha speso una barcata di soldi: Napoli, Milan e Roma sono sullo stesso livello di monte ingaggi, con circa 150 milioni compresi gli staff tecnici. Il Napoli ha dei soldi da spendere sul mercato, con Conte che la fa da padrona. Quelli che da Sportitalia, dal nord, Criscitiello e i soci stanno bombardando Manna e Conte, la stanno facendo fuori dal vaso. Il Napoli sta operando bene, la discontinuità di De Laurentiis è evidente, Manna è attivo e Conte interviene in prima persona come giusto che sia perché è stato preso anche per questo. Fatevene una ragione".