Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Giordano critica Di Lorenzo: "Regressione inquietante! Vale la pena insistere col braccio di ferro?"
venerdì 21 giugno 2024, 18:30Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Giordano critica Di Lorenzo: "Regressione inquietante! Vale la pena insistere col braccio di ferro?"

Antonio Giordano, firma storica del Corriere dello Sport, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte

Antonio Giordano, firma storica del Corriere dello Sport, è intervenuto ai microfoni di Radio Marte: "La prestazione di Di Lorenzo, ieri, è stata disarmante, forse la più brutta in carriera senza possibilità di appello nel corso dei 90 minuti perché non ha mai dato la sensazione di potersi appellare a se stesso. Le domande sono tante in casi del genere perché ieri sera non ha fallito un giocatore ma tutti. Tranne Calafiori, un monumentale Donnarumma e forse un po' di Barella, l'Italia ha fatto male. Le domande bisogna porsele, soprattutto presidente, allenatore e ds. Di Lorenzo compirà 31 anni ad agosto: di fronte a questa carta d'identità, di fronte a picchi verso il basso disarmanti, è il caso di insistere in un braccio di ferro che porterà solo spargimento di veleno nell'ambiente? La regressione di Di Lorenzo mi sembra inquietante, nei termini, nei contenuti e anche nelle manifestazioni.

Mi dispiace perché può sembrare un accanimento verso il giocatore e il procuratore ma non è né il caso nostro né di chi fa questo mestiere che cerca di fare delle annotazioni lucide e non di pancia. È chiaro che se certe riflessioni le fai in fase di prolungamento e rinnovo te le devi porre anche adesso, in fase di questo brutto braccio di ferro. Se esiste un'idea di progetto – che nel Napoli è sempre esistita tranne l'anno scorso, quando De Laurentiis l'ha sgretolata del tutto – ora che questo progetto sta per ripartire tu sei costretto seriamente a non sbagliare nulla. E 31 anni ad agosto, quelli di Di Lorenzo, non sono pochi. Di Mazzocchi penso che sia una persona per bene che sta realizzando un sogno che onestamente si è conquistato sul campo, penso che sia stato sfortunato perché sia capitato nel momento peggiore in cui un ragazzo dei suoi principi sportivi avrebbe meritato. Adesso se la deve giocare perché c'è un grande allenatore di statura internazionale e che ha messo d'accordo tutti.  Le chiacchiere su Di Lorenzo, secondo me, non hanno influito sulla prestazione di ieri sera. Per me Spalletti rimane un grande allenatore, anzi grandissimo, visionario che ha scritto la storia del Napoli. Non si può essere innamorati di una persona solo fin quando siede sulla panchina e gioca con la tua maglia perché altrimenti avanza terribilmente l'incultura".