Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Le Interviste
Mauro:  "Gestire l’entusiasmo diventerà il vero lavoro di Spalletti"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 9 novembre 2022, 20:00Le Interviste
di Redazione Tutto Napoli.net
per Tuttonapoli.net

Mauro: "Gestire l’entusiasmo diventerà il vero lavoro di Spalletti"

Massimo Mauro, ex calciatore del Napoli, è intervenuto a Radio Marte in Marte Sport Live

Massimo Mauro, ex calciatore del Napoli, è intervenuto a Radio Marte in Marte Sport Live: "Gestire l’entusiasmo diventerà il vero lavoro di Spalletti e della società. Queste prestazioni hanno messo il Napoli davanti a tutti ed è la pretendente numero uno allo Scudetto. Gestire la pressione della squadra favorita, della formazione che esprime il calcio migliore, non sarà facile. Giocare da primi in classifica è difficile ma più si è consapevoli della propria forza e più lo si può fare. Pur avendo delle individualità che vanno ben oltre i giocatori normali, tipo Osimhen, Kvaratskhelia, Kim, Lobotka, penso sia il gruppo che sta facendo qualcosa di eccezionale. E poi il modo in cui li fa giocare l’allenatore… Non vorrei lodare eccessivamente Spalletti ma credo che gran parte dei meriti siano i suoi se qualsiasi giocatore schieri, gioca bene.

L’antagonista del Napoli per lo Scudetto? Può venire fuori se ci sarà una squadra che vince dieci partite di fila come ha fatto il Napoli. L’importante è che il Napoli non perda la consapevolezza di essere forte e di poter vincere lo Scudetto giocando sempre così, evitando scivoloni con le piccole come l’anno scorso. Juve, Inter e Milan hanno la struttura per riprendersi, perché i giocatori ce li hanno. Il punto è che giocano male".