Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / napoli / L'Angolo di Calcio2000
Buon campionato a tutti… c’è una favorita?TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 10 agosto 2022, 06:00L'Angolo di Calcio2000
di Fabrizio Ponciroli

Buon campionato a tutti… c’è una favorita?

Fa strano ma, tra pochi giorni, prenderà il via il campionato di Serie A 2022/23. In pieno agosto, ecco che il calcio italiano diventa nuovamente protagonista. Lo sarà tra gli ombrelloni al mare e sui sentieri di montagna e anche nelle case dei tanti che, alle vacanze, hanno dovuto rinunciare. Rispetto al recente passato, l’offerta televisiva pare meno ingarbugliata (prima aspetto di verificare con mano) e, sempre sulla carta, lo spauracchio Covid è ancora presente ma in una veste più “accettabile”. Tuttavia, quello che conta davvero, è che si torna a fare sul serio con quel pallone che sa incantare e ammaliare milioni di italiani.
Chiaro, praticamente tutte le 20 squadre del massimo torneo italiano sono ancora alle prese con il mercato, quindi un giudizio definitivo sulla reale forza di ogni squadra è aleatorio, per non dire fuorviante. Le amichevoli estive hanno sancito, tanto per cambiare, che all’estero ci tengono di più ai test pre campionato (o, forse, fanno una preparazione diversa, non lo capirò mai). Tutte chiacchiere da bar, meglio pensare solo a Milan-Udinese, in programma sabato 13 agosto (ore 18:30), prima gara del nuovo campionato (tra l’altro non c’è un biglietto disponibile).
Sarà un calcio diverso, condizionato dal caldo e da rose “work in progress” ma comunque accattivante. La domanda delle domande: c’è una favorita? Già detto dei “limiti dettati dal periodo”, una favorita, a mio parere, c’è e si chiama Inter. Se nessuna colonna lascerà la squadra nerazzurra (temo ancora di vedere Skriniar imbarcarsi in direzione Parigi), la squadra di Inzaghi ha la miglior rosa del lotto. Oltre alle certezze dello scorso anno (quando, meglio ricordarlo, si è giocata lo Scudetto sino all’ultimo e ha vinto due trofei), c’è un Lukaku voglioso di riconquistare quella che ha capito essere la sua gente. Credo che il belga sia un valore aggiunto enorme e che potrebbe davvero ad essere il Big Rom devastante di un paio di stagioni fa. Inoltre, l’Inter ha un centrocampo di qualità elevatissima e difensori che si conoscono da anni. Ecco, con tutto il rispetto per Handanovic (tanto di cappello per la splendida carriera), credo che sia anche giunto il momento di dare spazio ad Onana. Insomma, se Inzaghi farà le scelte giuste, Inter favorita per vincere lo Scudetto. E le altre? Il Milan, Campione d’Italia in carica, ha ancora fame e tanta bella gioventù. CKD (il belga dal cognome complicato) è tutto da scoprire, gli altri si conoscono benissimo. Vedremo che accadrà e se Leao saprà gestire la pressione di essere ormai un top player. Leggermente sotto il Milan, ci metto, allo stesso livello, Juventus e Roma. La prima ha cambiato tanto. Dopo due amichevoli sbagliate, spopola già l’Allegri out (follie del calcio social) ma, in realtà, Allegri ha finalmente una rosa pensata per esaltare il suo credo calcistico (sempre che Pogba possa giocare con continuità dopo la terapia conservativa). Attenzione alla Roma. Campagna acquisti faraonica, tanto entusiasmo e un Mourinho che, dopo aver vinto la Conference League, sa che può osare di più. Sorprese? La nuova Lazio di Sarri è intrigante (sempre che Milinkovic-Savic non vada altrove) e sono curioso anche di valutare il potenziale della Fiorentina. Possibili delusioni? Napoli e Torino. Spalletti ha perso pedine importanti, deve ricostruire tutto. Il Torino non ha ancora un’identità ma almeno c’è ancora Juric… BUON CAMPIONATO A TUTTI!!!