Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / perugia / News
Oggi un motivo per sorridere: i 49 anni di Milan Rapaic
martedì 16 agosto 2022, 07:56News
di Redazione Perugia24.net
per Perugia24.net
fonte Lorenzo Di Benedetto

Oggi un motivo per sorridere: i 49 anni di Milan Rapaic

Milan Rapajc è stato uno dei giocatori più talentuosi della storia del Perugia, capace di scrivere pagine importanti con la maglia del Grifo nei suoi quattro anni trascorsi nel capoluogo umbro. Nato a Nova Gradiska nel 1973 ha mosso i suoi primi passi da professionista nell'Hajduk Spalato dove ha costruito praticamente tutto il suo palmares vincendo tre campionati croati, una Coppa di Jugoslavia, due coppe e tre supercoppe di Croazia. Nell'estate del 1996 il suo arrivo in Italia dove nelle prime due stagioni, tra Serie A e B, mise a segno 9 reti in 59 partite. La sua migliore stagione fu però la 1998/99 quando realizzò 9 gol giocando tutte le partite e diventando un beniamino della tifoseria perugina. Nel 2000 il suo addio, con il trasferimento al Fenerbahce dove il primo anno completò la sua bacheca personale vincendo il campionato turco. Quindi il ritorno all'Hajduk, quello in Italia all'Ancona e le esperienze allo Standard Liegi e all'HNK Trogir per terminare la carriera, mentre con la maglia della sua Nazionale ha disputato 49 partite segnando 6 gol, uno dei quali al Mondiale del 2002, proprio contro l'Italia. Oggi Rapajc compie 48 anni. Sono nati oggi anche Helmut Rahm, Joleon Lescott, Giovanni Dall'Igna, Emerson Ramos, Roque Santa Cruz, Marcelo Larrondo, Moussa Sissoko.