Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / perugia / News
"Con il cambio di allenatore puoi cambiare anche filosofia ma avremmo dovuto saper andare oltre"
domenica 19 maggio 2024, 15:59News
di Redazione Perugia24.net
per Perugia24.net

"Con il cambio di allenatore puoi cambiare anche filosofia ma avremmo dovuto saper andare oltre"

Non basta la vittoria per 2-1 contro la Carrarese per passare il primo turno nazionale dei play off di Serie C. Dallo Stadio dei Marmi Cristian Dell’Orco ha parlkato ai microfoni di UmbriaTV come raccolto da Gabriele Ripandelli.

“Abbiamo dato tutto quello che avevamo per ribaltare il risultato. Ci abbiamo provato fino alla fine e il gol, anche se ininfluente, è la dimostrazione. Saremmo dovuti essere più bravi a rimontare quando l’inerzia era dalla nostra parte. Gli errori capitano in tutte le categorie, anche in Champions League. Non dobbiamo colpevolizzare nessuno. Si vince e si perde tutti insieme. Cominciare la stagione con il discorso riammissione o meno e le sue conseguenze anche sulla rosa non è la cosa migliore. Non deve essere una scusa perché dovevamo essere più bravi per superare anche questo. Avevamo una squadra per provare a fare il salto. Ci abbiamo provato fino all’ultimo minuto ma non è bastato. Sicuramente l’identità è quello che ti fa vincere i campionati, l’appiglio nel momento di difficoltà. Con il cambio di allenatore puoi cambiare anche filosofia ma dovevamo sapere andare oltre ed essere più continui lungo la stagione. Ormai è andata così e si volta pagina. Il limite più grosso è stata la mancanza di continuità di risultati che dipende come dicevamo dall’identità. Dovevamo essere più bravi a partire dai difensori sulla fase offensiva e sull’incidere”