Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / potenza / Primo Piano
Nessun chiarimento e nessun passo indietro, è gelo tra i tifosi dell'Avellino e la dirigenza del club bianco-verdeTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Ferri
mercoledì 28 settembre 2022, 20:38Primo Piano
di Redazione 1 TuttoPotenza
per Tuttopotenza.com
fonte anteprima24.it

Nessun chiarimento e nessun passo indietro, è gelo tra i tifosi dell'Avellino e la dirigenza del club...

Nessun chiarimento. Nessun passo indietro ma soprattutto la chiarezza tanto attesa non è arrivata. La conferenza stampa di lunedì da parte del presidente Angelo Antonio D’Agostino ha esacerbato acceso i toni per la tifoseria biancoverde.

Due giorni dopo, la Curva Sud ha redatto una nota chiara indirizzata alla società. Ecco il testo integrale: “Sebbene i comunicati non appartengano al nostro essere Ultras, ci sentiamo chiamati ad esprimere la nostra posizione alla luce della farneticante conferenza stampa della società. Come abbiamo promesso a noi stessi non possiamo restare in silenzio sulle stranezze che orbitano attorno al nostro Avellino: lo dobbiamo alla nostra intelligenza e alla nostra dignità. Non possiamo accettare il comportamento reiterato di un presidente che, noncurante degli errori commessi nel post Avellino-Foggia, continua a non assumersi le proprie responsabilità, addossando ogni tipo di colpa all’area tecnica e ai calciatori. Vorremmo far presente al presidente D’Agostino che, più dei nostri cori e del dissapore che la piazza può manifestare, è questo continuo scarica barile (“chiedete al mister” “domandate al direttore”) che mina la serenità della squadra. Per noi dietro ogni scelta presa deve esserci il benestare di chi ha in mano le redini della società e, pertanto, gli errori non possono non essere imputati anche alla dirigenza. Se per qualcuno il fatto che l’Avellino non sia in vendita può rappresentare un monito rassicurante, per noi l’improvvisazione e la mancanza di onestà intellettuale continuano ad essere alla base dell’operato della società. se questi sono i presupposti, il presidente può benissimamente farsi da parte e consegnare il titolo al sindaco.Noi, nell’eventualità, continueremo ad esserci come abbiamo sempre fatto, pronti a chiedere permessi a lavoro per seguire l’Avellino in trasferta di mercoledì sera e disposti ad investire tempo e denaro senza alcun interesse, se non quello di portare in giro con fierezza il nome di Avellino. Questi, caro presidente, sono sacrifici che non permettiamo a nessuno di trattare con leggerezza e presunzione. Vorremmo inoltre farle presente che nel calcio più delle parole contano i numeri (per noi ancor di più la serietà) e, ad oggi, presentarsi ai microfoni e ribadire la volontà di fare bene e vincere significa prendere in giro una piazza intera. Non sarebbe più onesto ammettere anche i propri di errori? Se poi questa convinzione è frutto di promesse e rassicurazioni del direttore sportivo (questo ovviamente non giustificherebbe il presidente), è giunto il momento che il signor De Vito rassegni le dimissioni. Noi continueremo a pretendere chiarezza e programmazione laddove necessario, difendendo la nostra intelligenza e il nostro essere Ultras e soprattutto non facendo mai mancare il nostro calore a chi, con cattiveria e onore, scende in campo con il lupo cucito sul petto”.