Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / potenza / Primo Piano
SCENDA IN CAMPO SOLO CHI SE LA SENTE
sabato 24 febbraio 2024, 17:44Primo Piano
di Redazione
per Tuttopotenza.com

SCENDA IN CAMPO SOLO CHI SE LA SENTE

Il Potenza domani al "Viviani" affronterà il Giugliano in una partita fondamentale per il futuro in questo campionato della squadra rossoblù. Non è una frase retorica ma chi non se la sente alzasse la mano e si tirasse fuori dato che contro il Giugliano servirà gente che lotta, gente che suda la maglia e gente che mentalmente è sul pezzo. Lo stesso mister Marchionni anche se non avrà la squadra al completo facesse le giuste scelte senza metterci del suo in negativo e speriamo che qualcuno della società si sia fatto sentire con il gruppo squadra e lo staff tecnico. Nel calcio bisogna essere uomini e professionisti prima che bravi calciatori: ai più quest’anno è sfuggito un concetto elementare ma non banale. Il professionista riesce a far confluire i propri obiettivi personali in quelli comuni, l’essenza autentica dell’essere squadra.

Troppo spesso l’atteggiamento di diversi calciatori in rosa ha denotato superficialità e spocchia. Ci sono stati cali di concentrazione inspiegabili e se ne son viste tante, anche troppe, fino ad oggi con il Potenza che ha rivendica il non invidiabile primato nella graduatoria dei provvedimenti disciplinari interni comminati a carico di propri tesserati (anche se questo dato non uscirà mai fuori). Il Potenza vanta un organico con calciatori importanti per la Serie C ma alla fine curriculum e professionalità non hanno mai attecchito come si doveva nello spogliatoio rossoblù. È mancato in questo Potenza  e continua a mancare una guida autorevole soprattutto fuori dal campo (un direttore generale) ma adesso bisognerà fare di necessità virtù e salvare la stagione il prima possibile.