Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / serie c / Girone A
V.Verona-Legnago, alla ricerca dei tre punti nel derby: le probabili formazioniTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giovanni Padovani
domenica 19 settembre 2021 13:45Girone A
di Simone Cataldo
per Tuttoc.com

V.Verona-Legnago, alla ricerca dei tre punti nel derby: le probabili formazioni

Toccherà a due venete chiudere il quarto turno del girone A di Serie C, dando vita ad un derby che andrà in scena al Mario Gavagnin-Sinibaldo Nocini a partire dalle ore 20:30. Di fronte Virtus Verona e Legnago, compagini entrambe alla ricerca dei primi tre punti stagionali e che non hanno cominciato secondo quanto auspicato ai nastri di partenza dell’annata. Un derby, al momento, importantissimo in chiave salvezza.

La Virtus Verona capitanata dal solito Luigi Fresco ad oggi è l’unica formazione del raggruppamento A di terza serie a non aver racimolato nemmeno un punto. Pertanto nelle prime due gare disputate – ne manca una all’appello -, hanno prestato il fianco al Sudtirol (1-0) e al Renate (3-1), senza sfigurare ma lasciando per strada punti importanti. Ancor prima era maturato un pari in Coppa Italia contro la Giana, ma nonostante il 2-2 nei tempi regolamentari ad i rigori furono i lombardi ad aver la meglio, sancendo l’uscita al primo turno dei virtussini. L’unica rete del campionato rossoblù è stata messa a segno da Lonardi, e una statistica accomuna al momento le prime due uscite di campionato della Virtus, ovvero: la banda di Fresco ha sempre concluso la gara in inferiorità numerica, con un’espulsione a 20’ dal fischio finale contro il Sudtirol ed un’altra dopo solo mezz’ora dal fischio d’inizio contro il Renate.

Dal canto opposto non vive un momento migliore il Legnago che, giunto al secondo anno consecutivo tra i pro dopo l’ammissione avvenuta la scorsa estate, non ha affatto convinto i propri sostenitori. Ad un pari nell’esordio in campionato contro il Mantova per 1-1 sono seguite tre sconfitte consecutive, di cui due in campionato e l’ultima maturata nel secondo turno di Coppa Italia. Prima il netto 4-1 in casa del Lecco macchiato da l’ingenuità di Ricciardi espulso nel miglior momento dei veneti, poi il netto poker (0-4) ricevuto dal forte Padova. Quest’ultimo, oltretutto, è stato avversario in settimana nel secondo turno di Coppa, ma in questo caso i biancoblù hanno retto perdendo di misura per 1-0. Un solo punto raccolto in tre gare, dieci gol subiti e due soli messi a segno, un bottino tutt’altro che sufficiente se si vuole continuare a far bene tra i professionisti.

Come detto in precedenza la gara tra Virtus Verona e Legnago è un derby tutto veneto, ovviamente emerso solamente nell’ultimo decennio in seguito all’emergere delle due piazze in palcoscenici più prestigiosi. Pertanto i precedenti sono solamente sei, e vedono nettamente in superiorità la Virtus Verona di Fresco che hanno trionfato in quattro occasioni, lasciando ai conterranei solamente due pari a reti bianche. Dunque sulla carta e storicamente i rossoblù dovrebbero partire favoriti, con il Legnago che andrà alla ricerca del primo successo storico nel derby, ma anche, e soprattutto, di punti pesantissimi in chiave salvezza. Tra le due formazioni non compaiono ex della gara.

QUI VIRTUS VERONA – Per Luigi Fresco diversi sono i dubbi, in particolar modo nel reparto arretrato, proprio come dichiarato dal trainer dei virtussini alla vigilia. In tal senso Faedo non è al meglio e non dovrebbe partire per la trasferta. Analogo discorso per Pellacani e Pinto, entrambi assenti una settimana fa e che non sembrano offrire garanzie per la sfida odierna. L’ultima defezione è rappresentata dall’attaccante ex Crotone Nalini, giocatore che deve ancora trovare le perfette condizioni fisiche. In tal senso sarà un 11 che vedrà protagonisti i fedelissimi di Fresco, con Sibi a difesa dei pali nel consueto 4-3-1-2. In difesa i centrali dovrebbero essere Munaretti e Mazzolo, mentre sulle fasce opportunità dal primo per Acampora sulla corsia mancina, mentre su quella opposta dovrebbe esser sacrificato Zugaro. Chiavi della mediana affidate a Danieli, mentre al suo fianco dovrebbero esserci Lonardi e Amadio, con Zarpellon che scalpita per una maglia da titolare. Alle spalle del tundem che dovrebbe vedere protagonisti, ancora una volta, Arma e Pittarello ci sarà capitan Danti.

QUI LEGNAGO – Anche per Colella si tratta di un periodo tutt’altro che felice, con una rosa che spesso deve fare a meno di elementi importanti. Potrebbero rientrare e sedere solamente in panchina Ciccone e Gasparetto, giocatori rimasti a casa in settimana e non convocati per la Coppa contro il Padova. Stesso discorso vale per Antonelli e Laurenti, mentre l’unica gioia è il rientro di Ricciardi che domenica scorsa ha scontato la squalifica ricevuta contro il Lecco. Pertanto sarà 4-3-3 con Corvi in porta, mentre in difesa ci saranno Ricciardi, Bondioli, Ambrosini e Rossi, con quest’ultimo che tornerà titolare al posto del collega di reparto Pitzalis. A centrocampo Salvi dovrebbe presidiare la mediana, mentre al suo fianco potrebbero esserci Calamai e Yabre, con Giacobbe che insidia per un posto. Il tridente offensivo dovrebbe vedere ancora una volta protagonisti Juanito Gomez e Lazarevic sugli esterni, mentre al centro sarà duello Buric-Sgarbi per una maglia da titolare.

Virtus Verona (4-3-1-2): Sibi; Zugaro, Munaretti, Mazzolo, Acampora; Lonardi, Danieli, Amadio; Danti; Arma, Pittarello. A disp.: Giacomel, Bragantini, Pinto, Cella, Metlika, Zarpellon, Tronchin, Vesentini, Poloka, De Rigo, Silvestri, Priore, Marchi. All.: Fresco.

Legnago Salus (4-3-3): Corvi; Rossi, Bondioli, Ambrosini, Ricciardi; Calamai, Salvi, Yabrè; Juanito Gomez, Buric, Lazarevic. A disp.: Enzo, Gasparini, Milani, Pitzalis, Muteba, Giacobbe, Olivieri, Zanetti, Casarotti, Contini. All.: Colella.

La gara del Gavagnin-Sinibaldo Nocini tra Virtus Verona e Legnago Salus sarà diretta dal sig. Ettore Longo della sezione di Cuneo, il quale verrà coadiuvato dal primo assistente Boggioni (Monza), il secondo assistente Barbiero (Campobasso) ed il quarto uomo Gualtieri (Asti).

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000