Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / serie c / Altre news
Zazzaroni: "Al Catania serve rinascere ma non servono peracottari"TUTTOmercatoWEB.com
domenica 22 maggio 2022, 22:45Altre news
di Sebastian Donzella
per Tuttoc.com

Zazzaroni: "Al Catania serve rinascere ma non servono peracottari"

Ivan Zazzaroni, direttore del Corriere dello Sport, ai microfoni di Catanista ha commentato la situazione del Catania, escluso dalla Lega Pro a stagione in corso: "Occorre rinascere, il recente passato è stato tremendo e la trattativa affidata a persone non qualificate, quindi si sapeva che l'esito sarebbe stato questo. Adesso si deve trovare qualcuno che sia disposto a far ripartire il Catania, so di qualcuno che si sta muovendo, di fondi, ma è tutto provvisorio e non ancora accertato. Spero che Catania possa risorgere perchè è una piazza importante e la storia non deve essere dimenticata. A livello nazionale il discorso Catania è stato sentito poco, a livello marginale. E' rientrato nel discorso generale di disgrazia calcistica e si pensava che comunque alla fine si sarebbe potuto salvare. Poi quando ho visto i nomi ho pensato al peggio. Me ne ha parlato per ultimo Cruciani sostenendo grandi preoccupazioni per quanto riguardava il Catania, e alla fine purtroppo si sono verificate”

Sul futuro: “Ci vuole qualcuno che abbia veramente voglia di investire. Partendo anche dalle categorie inferiori, in due anni, si può tornare in alto. Si può fare calcio anche nelle categorie inferiori perché la gente ti segue ovunque, a patto che ci sia un progetto importante e solido. Se invece ti proponi come un peracottaro qualsiasi, la gente ti sgama. Chi vuole il Catania deve avere una copertura economica accettabile e un piano importante. Tacopina? Sinceramente non mi fanno impazzire quelli che vanno a destra e sinistra. Bologna, Venezia, prima Roma, poi ne cercava un'altra, poi Catania. I professionisti dell'acquisizione non mi convincono. E' vero che lui porta in auge e poi rivende, fa business, ma l'ideale sarebbe una realtà locale perché si mette il cuore con interessi di comunicazione e di immagine. Se arriva da fuori spero sia uno serio”