Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Girone A
Ds Padova: "Fiducia in Ghirelli, ma riforma penalizzerebbe i giovani"TUTTOmercatoWEB.com
Massimiliano Mirabelli
giovedì 24 novembre 2022, 10:50Girone A
di Valeria Debbia
per Tuttoc.com

Ds Padova: "Fiducia in Ghirelli, ma riforma penalizzerebbe i giovani"

Massimiliano Mirabelli, direttore sportivo del Padova, è intervenuto all'interno della rubrica 'A tu per tu' di TMW, analizzando gli obiettivi dei biancoscudati e la riforma della Lega Pro.

E il Padova la B vuole giocarla già l’anno prossimo?
Siamo in una fase di ricostruzione, un primo anno dove puntiamo molto sui giovani. Abbiamo lavorato per abbattere i costi eccessivi. Ma siamo sempre il Padova. E dobbiamo essere ambiziosi, anche se in questo campionato cerchiamo la sostenibilità attraverso la valorizzazione dei giovani”.

La C potrebbe essere riformata. Come vede l’idea di Ghirelli?
Ho grande stima e fiducia nel Presidente Ghirelli. Però vedo questa riforma un tantino accelerata. Sono preoccupato, il 5 dicembre si rischia di deciderla e questa può essere un’arma a doppio taglio. Ci sono tante società che non sanno a cosa vanno incontro”.

Cioè?
La C è un campionato che da anni si impegna nella valorizzazione dei giovani. Se trasformiamo il campionato in un torneo territoriale abbassiamo i costi delle trasferte, ma devi alzare i costi perché se cambi il format come fai a pensare di giocare con gente giovane? Questa riforma andrebbe a penalizzare l’impiego dei giovani e la crescita graduale. Perché tutti dovrebbero essere subito competitivi, altrimenti si rischia. E non vedo una proposta economica tale che questo format faccia incassare una somma ai presidenti derivante dai diritti tv tale da indurli a valutarla. E poi una riforma va valutata con tutte le componenti”.