Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Girone A
Pro Sesto, Andreoletti: "Dobbiamo fare il salto di qualità per andare in B"
lunedì 20 marzo 2023, 11:20Girone A
di Matteo Ferri
per Tuttoc.com

Pro Sesto, Andreoletti: "Dobbiamo fare il salto di qualità per andare in B"

La Pro Sesto frena in casa contro il Renate e vede allontanarsi la Feralpisalò, ora distante quattro punti. Matteo Andreoletti, tecnico dei milanesi, analizza la gara: "Volevamo partire molto aggressivi, il Renate è una squadra costruita per giocare dal basso e Dossena è un allenatore molto bravo. Contro di noi si sono snaturati e questo la dice lunga. Il loro cambio di atteggiamento ci ha un po' spiazzati all'inizio, ma se il Renate è venuto qui a difendere a questo punto della stagione significa che abbiamo fatto un percorso veramente importante. A parte questo, però, vorremmo raccogliere più punti possibili perché tutto quello che lasci per strada non te lo restituisce nessuno". La Pro Sesto può ancora giocarsi le sue chances promozione: "La squadra si esprime a grandi livelli dal punto di vista fisico e di questo devo ringraziare lo staff tecnico. Gli avversari hanno quasi paura a venire a toglierci il fraseggio.

Chiaramente dobbiamo essere più bravi dal punto di vista qualitativo. Parlare di rammarico ora, a cinque giornate dalla fine da secondi in classifica, è qualcosa di inimmaginabile. Questo percorso ce lo siamo costruiti da soli, il merito è dei ragazzi e della società che ci ha permesso di lavorare in tranquillità nonostante l'inizio di stagione meno brillante. Ora dobbiamo fare un ulteriore salto di qualità se vogliamo arrivare davanti a tutti e cercare di portare a casa anche con le palle sporche. Dobbiamo trovare quelle vittorie di mestiere, come si suol dire, ma è difficile chiederlo ad una squadra che ha un allenatore di 34 anni e schiera sei o sette under in campo ogni domenica"