Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Altre news
Lega Pro, Marani sulla riforma: "Siamo al punto di non ritorno"TUTTO mercato WEB
giovedì 30 novembre 2023, 11:50Altre news
di Antonino Sergi
per Tuttoc.com

Lega Pro, Marani sulla riforma: "Siamo al punto di non ritorno"

Intervistato dal Corriere dello Sport, il presidente della Lega Pro Matteo Marani ha parlato così della riforma. "La categoria che ha lanciato Baggio, Riva, Zola e tanti altri ha il 2% della mutualità del sistema. La Bundes alle serie inferiori riversa il 20%, la Ligue1 il 19%, la Premier vende i diritti tv insieme alle categorie minori, in Spagna quelli commerciali sono in parte divisi. La riforma è questione di sostenibilità. Gravina ha convocato un’assemblea a marzo per togliere il diritto d’intesa se le componenti non si mettessero d’accordo. Siamo al punto di non ritorno".

Sulla sostenibilità di 60 squadre. "La riforma non è una questione algebrica, ma non si può pensare che l’unica a ridurre l’organico sia la C, che ha già fatto autoriforme. La A non vuole toccare nulla, la B parla di una retrocessione in meno. Casini dice che 60 sono troppe? Nel ‘21-22 il calcio ha avuto perdite per 1,3 miliardi e la C concorre per il 6,7%. Per quanto riguarda i debiti in A la media è 50,2 milioni, in B 13,4 e in C solo 1,9. Se togliamo 20 club non arriviamo al debito di uno solo della massima categoria".