Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Girone B
Top & Flop di Carrarese-Sestri LevanteTUTTO mercato WEB
Cicconi, TOP Carrarese
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
domenica 25 febbraio 2024, 23:59Girone B
di Francesco Moscatelli
per Tuttoc.com

Top & Flop di Carrarese-Sestri Levante

Tutti che camminano veloci e la Carrarese cheffaaa??? La Carrarese corre, le altre annotino le bellicose intenzioni. 

Non serviva solo la vittoria. Serviva anche il come. E il "come" è stato inequivocabile. 5-1, un punteggio largo ottenuto anche rimontando un impaccio iniziale, con i marmiferi già sotto al 5' per un rigore di Pane che porta quasi inaspettatamente in vantaggio il Sestri Levante. Qui la Carrarese è stata (finalmente) brava in due frangenti. Prima a non disunirsi, a non produrre cartellini gialli ma occasioni da rete. Reti che arrivano piuttosto presto, con Imperiale prima e Cicconi poi (il cross del comasco viene leggermente deviato da un difensore ospite). Poi a chiudere la partita, complice anche un Sestri Levante con l'uomo in meno per la legittima espulsione di Podda. Con Panico, Schiavi e quel Finotto che sempre sa lasciare un segno, anche quando la partita già da tempo ha detto quello che doveva dire. Titolo di chiusura banale ma semplicemente fotografia della serata: troppa Carrarese per questo Sestri. Carrarese-Torres, sfida a distanza, sfida sempre viva. Luna Rossa e Alinghi nel mare della serie C. 

Vediamo ora coloro che, a nostro avviso, sono risultati essere i migliori e i peggiori nella partita disputata questa sera allo Stadio "Dei Marmi-dei Quattro Olimpionici Azzurri" di Carrara.

TOP:

Cicconi-Finotto-Capello (Carrarese): nomi consueti, nomi noti e stranoti, ma la colpa di questa poca fantasia è solo della Carrarese che ormai ha in mente un solo risultato. Tutti questa sera potrebbero entrare in questa sezione, da Imperiale che ha il merito di dare il la alla riscossa, a Capezzi che ormai è una garanzia (al di là dell'errore iniziale che poteva costare caro) a Panico che confeziona un gol e un assist, rendimenti che ci fanno quasi assuefare. A livello generale: per la Carrarese di questo mese gli aggettivi si sprecano, possiamo limitarci a dire che è semplicemente, straordinariamente...forte. A livello di gioco, di onda d'urto che sembra lasciar percepire quando attacca, non ha niente di meno del Cesena. A determinare la differenza di rendimento nei confronti dei romagnoli è probabilmente "solo" la cattiveria a chiudere determinate partite. E ovviamente la continuità nel corso della stagione, ma su questo ormai non si può intervenire più. A livello di singoli: Cicconi ancora nominato perché sulla sinistra spacca letteralmente la partita, anzi le partite, oggettivamente in questo momento gode di uno stato di forma invidiabile. Che sia la volta buona per spiccare definitivamente il volo? Non era facile per Finotto entrare in un gruppo così consolidato e invece l'ex-Triestina continua a macinare, con il suo sinistro, prestazioni e reti (tre in un mese). Da titolare o da subentrato, il timbro from Valdobbiadene c'è sempre. E poi menzione speciale per Capello. Non entrare in un tabellino così ricco potrebbe quasi essere demoralizzante per un attaccante che considera i gol come l'aria che respira. La storia del calcio è piena, e la storia della serie C in particolare, di primedonne che scalciano imbizzarrite perché la scena non è tutta per loro. Capello invece è un signor professionista. Cercare caparbiamente un calcio d'angolo sul risultato di 5-1 è segno di serietà prima di tutto e di grande dedizione alla squadra. Non entra nel tabellino, ma il bolognese, finché ci saranno i Top&Flop, sarà d'ufficio sempre nella sezione superiore. Averlo in questa Carrarese è un privilegio. Punto e stop. Con le reti o senza le reti. BELLA, BRAVA, CONCRETA, AFFASCINANTE. E' UN SOGNO O E' TUTTO VERO?

La reazione dopo l'espulsione (Sestri Levante): non sono queste le gare su cui una neopromossa deve costruire la salvezza. Troppo il divario tecnico, inutile nemmeno fare oltremodo i processi. Un 3-1 già avrebbe detto tutto, gli altri gol sono contorno in una partita finita di fatto con il 3-1 di Panico. Pertanto non è nemmeno giusto condannare in modo troppo pesante una squadra che deve già fare i conti, oltre che con il normale scotto di una nuova categoria, anche con le note criticità strutturali e soprattutto logistiche. Sono due squadre che, nel girone di ritorno, giocano per campionati differenti, "tutto qui". Più che nell'avvio (il vantaggio è nato con modalità piuttosto estemporanee), i liguri non sono dispiaciuti paradossalmente dopo l'espulsione (sciagurata) di Podda. In quel finale di primo tempo i rossoblu si sono quasi tolti una giacca fatta di paure e hanno giocato con la testa libera. Trovando quasi il pareggio con una insidiosa inzuccata di Pane. TESTA ALLA SPAL, QUELLA SI CHE E' UNA GARA DA VINCERE  

FLOP:

Qualche dettaglio da limare (Carrarese): il pensiero viene quasi da sè. Oggi è andata bene per gli azzurri, rimediare all'errore iniziale con quel retropassaggio tragico è stato per tanti motivi non un'impresa titanica. Ma quando gli avversari (ai playoff, ma non solo) saranno di caratura superiore? Si apriranno le stesse possibilità di togliere via quella macchia dalla tovaglia? E' una Carrarese che non deve cadere, ora che sta sfoderando autentiche prove di forza, in attimi di auto-compiacimento, tipo giocare con il fuoco nella propria metà campo. Non è la prima volta che accadono errori nell'ambito di un banale palleggio, lì i marmiferi devono limare ancora un po' se vogliono diventare il prossimo Cesena, squadra che forse non sa sfavillare come i toscani ma che di regali non ne confeziona mai. Bello comunque parlare già di "dettagli da limare", vuol dire che il cammino alle spalle è già considerevole. E meritevole. AMMINISTRARE PRODUCE FRITTATE. E ALLORA MEGLIO ATTACCARE. SEMPRE! 

Anacoura-Podda (Sestri Levante): non è in realtà molto corretto indicare nomi specifici. Queste sono imbarcate che hanno tanti padri, tante premesse, anche alcune discolpe. Passivi così pesanti che è difficile trovare anche chi ha provato a dire no, anche se oggettivamente Pane è stato l'autore di un rigore ben calciato, di un recupero difensivo importante e di un colpo di testa che ha sfiorato il palo. Difficile, per esempio, indicare un voto all'attacco, con Clemenza e Fossati quasi da s.v. più che da pesanti insufficienze. A ripensare alle immagini si potrebbe annotare un Anacoura piuttosto grossolano negli interventi, con belle parate alternate a smanacciate dozzinali (sul terzo gol in particolare, ma non solo). Il colpo di grazia alla serata lo firma in ogni caso Podda, autore di un intervento probabilmente dalle intenzioni non dolose ma comunque davvero scomposto quanto inutile. E' vero poi che in inferiorità numerica i corsari hanno giocato quasi meglio di prima (finché il muro ha retto), ma ad ogni modo quella è stata una delle chiavi decisive per un tabellino davvero severo. VOLTARE PAGINA, LA CLASSIFICA NON ASPETTA