Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Girone C
Picerno, Longo: "Più equilibrio, meno foga e più cinismo negli ultimi 30 metri"
lunedì 4 marzo 2024, 00:00Girone C
di Valeria Debbia
per Tuttoc.com

Picerno, Longo: "Più equilibrio, meno foga e più cinismo negli ultimi 30 metri"

Un rigore fallito da Ceccarelli non ha permesso al Picerno di uscire con un risultato positivo dal match contro il Monopoli: i lucani si sono dovuti accontentare del pareggio, il terzo nelle ultime quattro uscite, che hanno visto una involuzione di risultati dei rossoblù.

In sala stampa è giunta la disamina di mister Emilio Longo: "Nel primo tempo la squadra è stata leggermente timorosa, ma a prescindere da questo timore ha provato a fare la partita. La palla è stata maggiormente nelle nostre possibilità. Nella ripresa siamo stati più protagonisti, mano mano che passava il tempo la squadra ha preso coraggio. Ma il rigore è stato lo spartiacque: nei minuti successivi la squadra ha comunque continuato a provare a vincerla e in questa volontà di vincerla dobbiamo prendere un insegnamento. Ci sono state delle ripartenze in cui l'avversario avrebbe potuto farci male e noi dobbiamo rimanere in partita. Guardando i risultati della classifica alta, si nota come anche i risultati con le squadre di bassa classifica diventano determinanti. Nessuno fa il passo decisivo quindi noi dobbiamo essere sempre equlibrati, senza farci prendere dalla foga. I ragazzi devono capire che quando non si può vincere, non si deve perdere la partita. Dobbiamo essere bravi a leggere le situazioni e dobbiamo essere più cinici. Io nel complesso i ragazzi non posso richiamarli a nulla, se non ad un maggior equilibrio, meno foga in alcuni momenti e più decisione negli ultimi 30 metri".