Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Altre news
Sannino: "Avellino, mi piace il modo di leggere la partite di Pazienza"TUTTO mercato WEB
giovedì 13 giugno 2024, 22:45Altre news
di Dario Lo Cascio
per Tuttoc.com

Sannino: "Avellino, mi piace il modo di leggere la partite di Pazienza"

L'allenatore Giuseppe Sannino, intervenuto sulle colonne de Il Mattino, ha detto la sua sull'Avellino: "L’anno prossimo sarà quello buono per l’Avellino. Quella appena mandata in archivio era solo la prima tappa di un progetto biennale. C’è una base solida da cui ripartire per andare a vincere il campionato. Perinetti farà la differenza. 

L'Avellino di quest'anno? Davvero forte. Basta poco per renderlo ancor più competitivo. Che peccato non aver fatto almeno un golletto nella semifinale di andata contro il Vicenza, la musica sarebbe cambiata al Menti. I playoff, però, sono così. Gli episodi, i particolari, fanno la differenza. Nel respiro di due gare può succedere tutto e il contrario di tutto. L’unica cosa che davvero non condivido è la formula. Il sorteggio per stabilire dove si gioca il ritorno in semifinale e finale è ingiusto. I playoff col Varese li ho vinti da secondo in classifica, questa regola non c’era e il fattore campo fu determinante.

Pazienza? Mi è piaciuto molto per la sua capacità di migliorare in maniera graduale e costante. Parliamo di un allenatore emergente che si è ritrovato catapultato in un contesto affascinante ma non semplice. Non è scontato il percorso che ha fatto venendo scelto per guidare un gruppo non costruito insieme a lui, con giocatori importanti e la responsabilità di dover andare in Serie B. Ha gestito con personalità e ha ottenuto ottimi risultati, al netto di qualche punto pesante perso nel girone di ritorno. Mi piace il suo modo di stare in panchina e leggere le partite".