Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Altre news
Ds Campobasso: "Braglia sarà l'allenatore, a caccia di rinforzi di categoria"TUTTO mercato WEB
© foto di Fabrizio Nocera
martedì 18 giugno 2024, 11:00Altre news
di Antonino Sergi
per Tuttoc.com

Ds Campobasso: "Braglia sarà l'allenatore, a caccia di rinforzi di categoria"

Durante l’appuntamento odierno con A Tutto C sulle frequenze di TMW Radio è intervenuto il direttore sportivo del Campobasso Sergio Filipponi. Queste le sue parole: 

Che impresa è stata la vittoria netta per 5-1 contro il Trapani?
“Domenica mi sono emozionato a vedere il Campobasso giocare così, questo testimonia la grande serietà e professionalità dei calciatori. Giocare il 16 giugno dopo i festeggiamenti con questa attenzione e questa voglia di incidere ti riempie di gioia. Abbiamo una squadra composta da calciatori forti, lo dicono i numeri dopo aver vinto il girone più difficile d’Italia e lo abbiamo dimostrato anche nella poule Scudetto. Siamo andati a vincere a Cava de’ Tirreni, questi ragazzi si divertono e sono forti”.

Con la promozione in C si riparte dal gruppo dello scorso anno?
“Questa è una bella domanda, diciamo che ci sono le categorie e quindi non è sempre facile, bisogna fare delle scelte difficili perché comunque la Serie C è un campionato diverso e che richiede cose diverse. Bisognerà trovare il giusto equilibrio, noi abbiamo una rosa di 24 ragazzi tutti all’altezza, nella poule Scudetto hanno fatto la differenza anche ragazzi che hanno giocato poco. Voglio però sottolineare la serietà di questo gruppo perché la partita con il Trapani poteva finire con ancora più gol di scarto. È merito di tutti gli elementi della società, ho avuto la fortuna di vincere un campionato e quando vinci ti rendi conto che hai bisogno di tutti i tasselli al posto giusto”. 

C’è qualche novità sull’allenatore per la prossima stagione?
“Braglia sarà l’allenatore per la prossima stagione, dobbiamo ufficializzarlo dal primo luglio ma abbiamo già l’accordo verbale. Mi sto affacciando ora nel mondo della C e stiamo analizzando le opportunità che offre il mercato, noi abbiamo cercato un allenatore importante ma quello che ci fa pensare è la scelta dello stesso Braglia. Il fatto che abbia accettato la nostra proposta un allenatore importante come lui fa pensare anche me. Significa che ha visto qualcosa nel progetto Campobasso”. 

Quale reparto andrà rinforzato maggiormente?
“Sicuramente dobbiamo cercare di inserire elementi di categoria in tutti i reparti, la Serie C non è la Serie D. Io ho fatto tanto settore giovanile, è il mio terzo anno da direttore sportivo e conoscevo bene la Serie D. Tutte le squadre che hanno vinto la D hanno messo dentro tra gli otto e i dodici elementi in rosa. Lo dice la storia, tutte mettono innesti importanti perché si parla di un livello diverso. Ce lo impone la categoria di rinforzare la squadra”.

Sa in quale girone giocherete il prossimo anno?
“Geograficamente dovrebbe essere il girone B, poi staremo a vedere. Ci faremo trovare pronti sia nel girone B sia nel girone C perché dovremo far vedere il valore del Campobasso. In questo momento siamo la squadra più a nord di quelle del sud, il Latina è più a sud di noi. Poi ci sono sette campane, tre siciliane, cinque pugliesi, tre tra Calabria e Basilicata, una dell’under 23 e il Latina che è più a sud di noi. Per la costruzione della squadra non cambia nulla, per me i giocatori devono avere certe caratteristiche. I centrocampisti devono avere certe qualità e soprattutto l’attaccante deve essere forte, quello non si può sbagliare”.