Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / torino / Serie A
Sprofondo Juve, Monza nella storia: è la prima vittoria in Serie A! 1-0 all'U-Power StadiumTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 18 settembre 2022, 17:00Serie A
di Gaetano Mocciaro

Sprofondo Juve, Monza nella storia: è la prima vittoria in Serie A! 1-0 all'U-Power Stadium

Prima della partita, il CEO della Juventus, Maurizio Arrivabene aveva preteso reazione, o meglio, azione. E il portare con dignità i colori bianconeri. Di reazione, invece, da parte della Vecchia Signora, si è vista solo nel fallo di Angel di Maria che al 40' ha lasciato i suoi in dieci. La risposta sul campo l'ha invece data il Monza, alla prima di Raffaele Palladino. Che all'esordio regala un successo che entrerà negli annali dell'ultracentenario club brianzolo. È Christian Gytkjær l'eroe del pomeriggio con un gol al 74'.

LE SCELTE DEGLI ALLENATORI - Tante le assenze in casa Juventus: Alex Sandro, Chiesa, Locatelli, Pogba e Rabiot infortunati. Cuadrado e Milik squalificati. Così come lo è Massimiliano Allegri, che osserva la partita dalla tribuna. Torna Di Maria dal 1', ma la vera sorpresa è Gatti centrale di difesa con Bonucci che si accomoda in panchina. Il primo Monza di Palladino si presenta con Mota Carvalho unica punta, affiancato da Pessina e Caprari. Rispetto a Lecce spazio a Ciurria al posto di Birindelli.

BRUTTA JUVE, RAPTUS DI MARIA - Monza che nei primi 45' lascia una migliore impressione, mostrandosi propositivo e per nulla impaurito dal blasone dell'avversario. Mota Carvalho svaria sul fronte offensivo, Bremer deve usare le cattive spendendo un giallo. Va decisamente peggio ad Angel di Maria che arriva a prendersi un rosso diretto per una gomitata al petto di Izzo. Dal 40' bianconeri in inferiorità numerica per una clamorosa ingenuità da parte del giocatore di maggior caratura internazionale. Juve che prima del fatto incriminato non è stata per nulla convincente: Di Gregorio praticamente mai impegnato e anche il pallino del gioco (60-40% sarà a fine gara) è del Monza. Vlahovic non sfonda, lo stesso Di Maria non aveva fatto giocate degne di nota e nel tridente l'unico che prova un po' a smuovere le acque è Kostic, ma è davvero troppo poco.

GYTKJAER RENDE STORICA LA GIORNATA DEL MONZA - Anche al ritorno dagli spogliatoi Juventus non pervenuta. Molto più Monza, tornato in campo con maggiore fiducia al punto da iniziare a crederci davvero. Dall'altra parte è indicativa la solitudine di Vlahovic: il serbo si nota per alcuni suggerimenti finiti nel vuoto. Nessuno duetta con lui, né sulle fasce e nemmeno dietro trova centrocampisti pronti a inserirsi. Eppure non si attinge lo stesso dalla panchina, fino a che il Monza non sblocca la partita: al 74' Ciurria crossa dalla destra, Gytkjaer sbuca a centro area rubando il tempo a Gatti e supera Perin. Clamoroso all'U-Power Stadium. Landucci ora prova la carta Kean, al posto di Vlahovic. Poi Fagioli. Nulla da fare.

PAUSA (NAZIONALE) DI RIFLESSIONE - Se contro la Salernitana il VAR aveva in qualche modo insabbiato i grossi problemi della Juventus, questa volta non ci sono scuse per la Vecchia Signora e per Allegri saranno due settimane di riflessione. Per il Monza è un pomeriggio storico: è la prima vittoria in Serie A. Adriano Galliani prima della partita aveva già definito un evento da ricordare questo Monza-Juventus, ricordando dove la gestione Berlusconi aveva raccolto questa società. Ed è un pomeriggio storico anche per Raffaele Palladino, che nella Juve è cresciuto come calciatore e contro la quale ha fatto il suo esordio di allenatore. Se il buongiorno si vede dal mattino...