HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » udinese » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Eriksen è il giocatore che serve all'Inter per lottare per lo Scudetto?
  Sì, ha l'esperienza ad alto livello che manca a Conte
  No, la Juve rimane troppo distante dalla squadra di Conte
  No, servirebbe un giocatore come Vidal per aiutare Conte

Il paradosso dell'allenatore che non vuole allenare

07.12.2019 21:04 di Simone Lorini    articolo letto 8455 volte
Il paradosso dell'allenatore che non vuole allenare
© foto di Antonello Sammarco/Image Sport
Luca Gotti coglie un bel punto contro il Napoli, ma neanche i risultati importanti colti con la sua Udinese lo fanno desistere dal suo intento: smettere di essere l'allenatore dei friulani. L'ex vice di Tudor si vede appunto solo come allenatore in seconda e nemmeno la fiducia incondizionata che la società ha nei suoi confronti gli hanno fatto cambiare idea, concetto che ha ribadito appena terminata la gara: "Ad essere allenatore non ci ho preso gusto, anzi spero di togliermelo presto questo gusto. La mia posizione non cambia".

Per Gotti insomma la voglia di rimanere in carica della gestione tecnico del gruppo friulano non c'è, nonostante l'immensa fiducia che il gruppo ha nella sua guida, come ha dimostrato anche stasera disputando una ottima gara al cospetto del Napoli. Non solo: con le frasi post-partita Gotti mette anche una certa fretta a Marino e a tutta la società. Il gusto di allenare vorrebbe toglierselo il prima possibile e arrivare a fine anno con un tecnico che non vuole esserlo, potrebbe portare più svantaggi che vantaggi a lungo andare.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Udinese

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510