Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / venezia / Focus
Reyer, Spahija: "Si può sempre migliorare, ma ho trovato società di altissimo livello"
giovedì 13 giugno 2024, 10:00Focus
di Giovanni Girardi
per Tuttoveneziasport.it

Reyer, Spahija: "Si può sempre migliorare, ma ho trovato società di altissimo livello"

Neven Spahija è stato l’ultimo ospite di Reyer Time, podcast tenuto da Pep Malaguti e Steve Giant. Il coach orogranata ha anche parlato della sua squadra, discutendo degli errori commessi, della società e della prossima stagione.

Come ti trovi a Venezia?

“Benissimo. Ho trovato una società di livello altissimo. C’è sempre da migliorare, ma siamo una squadra competitiva. Per quanto riguarda la mia vita privata, c’è un equilibrio nella mia vita che è importante per un allenatore professionista.”

Che Reyer vuoi vedere il prossimo anno? Sarà diversa per caratteristiche o simile a quest’anno?

“Noi vogliamo andare avanti nella stessa direzione. Abbiamo una pallacanestro con pace, con atletismo, ma vogliamo un po più di esperienza e un po' più di tiro. Siamo stati molto bravi in difesa, le percentuali contro di noi sono basse. Ma anche per quanto riguarda i rimbalzi siamo stati una buona squadra. Queste sono le cose che abbiamo imparato. Vogliamo andare in questa direzione.”

Per quanto riguarda i playoff, c’è un po di rammarico per gara 2 a Bologna? Probabilmente avremmo visto un’altra serie.

“Io devo controllare quello che posso controllare. Tucker ha fatto un fallo in attacco. Non era una chiamata giusta, ma dobbiamo andare avanti, essere migliori e allenare queste cose.”

Quanto è importante per te lo staff?

“Dietro c’è tanto, non solo con gli allenatori. Io parlo con tutti quelli che ci sono nell’organizzazione. Non ho mai preso una decisione da solo. Anche il proprietario Luigi è una persona che vede il mondo in una maniera diversa. Poi c’è Casarin, la sua opinione è molto importante, poi c’è Billio e Molin. Tutto questo aiuta la mia decisione finale. Questa società conosce bene la pallacanestro.