Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / L'avversario
Spagna, Morata: "L'Italia è molto competitiva. Spalletti si chiederà come giocheremo"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 19 giugno 2024, 15:35L'avversario
di Red. TuttoAtalanta.com
per Tuttoatalanta.com

Spagna, Morata: "L'Italia è molto competitiva. Spalletti si chiederà come giocheremo"

Alvaro Morata, attaccante della Spagna, a un giorno dalla partita contro l'Italia, è tornato a parlare a Marca della sfida valida per la seconda giornata del Gruppo B: "Prima del sorteggio sapevo che sarebbe stato il nostro turno affrontarli. Li ho incontrati in tutti gli Europei e mi hanno eliminato entrambe le volte, purtroppo. Dobbiamo affrontarlo come un bivio, l'Italia è molto competitiva".

Per chi tiferà sua moglie?

"Ovviamente per la Spagna. Non è una situazione facile, ecco perché non verranno, per evitare possibili problemi. Lei e i miei figli sono molto rispettati nel mio Paese".

Non siete più la Spagna di un tempo però. Come vive il cambio di stile?

"Il gioco croato ne è un esempio. Il primo quarto d'ora è stata la Spagna che conosciamo da una vita. Successivamente abbiamo proposto una partita diretta, per poi giocare nuovamente. Per le altre squadre siamo abbastanza imprevedibili. Se fossi l'allenatore andrei a letto con la testa come un tamburo per avere 26 giocatori che vedi allenarsi e sai che possono giocare tutti. Immagino che il Ct dell'Italia si chieda: come giocheranno questi ragazzi contro di me? Con un 9 falso, con le ali che giocano dentro e combinano? Con quelli che ti attaccano alle spalle? Possiamo cambiare il modo in cui giochiamo più volte. E pressiamo molto alto, il che ha i suoi rischi, ma per l'avversario è difficile affrontare una squadra che sta per morire".