Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Serie A
Ghisoni: "Via Boban, poi Maldini e Massara: Pioli con chi può parlare di calcio nell'ambiente Milan?"TUTTO mercato WEB
© foto di La Giovane Italia
venerdì 1 marzo 2024, 15:30Serie A
di Red. TuttoAtalanta.com
per Tuttoatalanta.com

Ghisoni: "Via Boban, poi Maldini e Massara: Pioli con chi può parlare di calcio nell'ambiente Milan?"

Il Milan torna in campo questa sera con l'obiettivo di dare continuità all'ottima prova di settimana scorsa contro l'Atalanta, nonostante il risultato finale non abbia portato ai tre punti che Pioli e tutta la squadra ricercavano.

Intanto durante il pomeriggio di Maracanà, Marco Piccari (conduttore della trasmissione) ha domandato ai propri ospiti il motivo di questo divario evidente tra Inter e Milan: "I tanti gol subiti, i troppi infortuni, i 5 derby persi o il distacco enorme tra le due squadre in questi anni: qual è la verità?". Paolo Ghisoni, presente in collegamento, ha provato a dare una propria opinione riguardo l'argomento: "Sono 4 punti oggettivi, derivanti tutti da una situazione di campo - ha esordito il direttore de La Giovane Italia - Per certi versi, questa situazione è riconducibile a non aver potuto vedere all’opera tutti gli acquisti, per quella che è la tattica e la filosofia di un club che si basa su uno scouting molto particolare. Leggevo alcune parole di Leao: il rapporto con Pioli non è sbocciato all’inizio, poi le cose si sono sistemate. Probabilmente l’interpretazione tattica di alcune partite così è dovuta anche al voler accontentare i giocatori top, vedi Theo o lo stesso Leao. Scendere in campo con il 3-5-2 in quel famoso derby, credo nello spogliatoio non l’abbiano presa benissimo, soprattutto vista l'esclusione di Leao. Probabile che sia stato un fastidio per molti".

"Faccio un altro ragionamento. Questo era un percorso in scadenza, derivato dalla perdita di pezzi che hanno consentito a Pioli di essere l'artefice dello scudetto - ha proseguito Ghisoni nel suo intervento - Siamo partiti con Rangnick, che avrebbe dovuto sostituire Pioli a prescindere dai risultati, poi Pioli è stato confermato ma se n’è andato Boban. Maldini e Massara sono rimasti come interlocutori, poi anche loro l'estate scorsa non ci sono più stati. Quindi, vi chiedo: Pioli, oggi, con chi si difende e con chi può parlare di calcio nell’ambiente Milan?