Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / L'avversario
Ag. Lautaro: "Nella sua testa c'è solo l'Inter, non pensa a cosa potrà succedere in futuro"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 20 febbraio 2024, 17:30L'avversario
di Red. TuttoAtalanta.com
per Tuttoatalanta.com

Ag. Lautaro: "Nella sua testa c'è solo l'Inter, non pensa a cosa potrà succedere in futuro"

Alejandro Camano, agente fra gli altri di Lautaro Martinez, ha parlato al quotidiano spagnolo AS in vista del match di questa sera dell'Inter contro l'Atletico Madrid: "Lautaro è già uno dei top 3 del mondo, ciò che sta facendo è la conseguenza della sua evoluzione".

Sembra più completo e totalmente integrato nell'impianto di Inzaghi.
"Ha sempre segnato, ora contribuisce tanto anche alla costruzione del gioco. Porta assist e tranquillità in un contesto di squadra che ha un'identità e che funziona molto bene".

Dopo il Mondiale, è ancora più consapevole della propria forza
"Un fatto che è coinciso con la crescita dell'Inter. I nerazzurri, con l'arrivo di Inzaghi, hanno migliorato molto il proprio gioco. Lautaro è cresciuto al fianco dei crack che ci sono in squadra e anche in Nazionale. La cosa bella è che ha 26 anni, ancora non è arrivato alla piena maturità".

Il momento dell'Inter?
"Lui è felice. Mi dice che si sente bene. L'Inter è una squadra che vai a vedere volentieri allo stadio o in televisione. Ha un gioco definito, moderno, con una identità chiarissima e una rosa completa. Inzaghi ha fatto un grande lavoro, merita gli elogi di questi mesi".

Si aspettava una finale giocata alla pari col City?
"A Napoli cantano 'Ho visto Maradona'. Allora io ho visto l'Inter... Hanno giocato una finale impressionante, potevano vincere. Questo è un orgoglio, ma non credo che i giocatori fossero sorpresi: nel club sanno che ogni torneo che giocano è per vincerlo".

Cosa si aspetta dalla sfida di stasera?
"Sarà una partita fra due potenze europee e due grandi allenatori. Anche il calcio dell'Atletico si è evoluto, come quello dell'Inter, negli ultimi due anni: entrambi abbinano intensità, garra e gioco offensivo, con principi simili. Simeone è uno dei migliori al mondo per la capacità di trasmettere valori, al di là della tattica".

Lautaro prima dell'Inter era vicino all'Atletico. Lo hanno cercato altre società spagnole?
"Non ho vissuto quella situazione, però oggi posso dire che nella sua testa c'è solo l'Inter. Ha altri due anni di contratto, è coinvolto, è il capitano... Non pensa a ciò che è successo né a quello che potrà succedere. Non mi ha mai parlato di queste cose e per me è un orgoglio rappresentare una persona con questi valori".

La grande stagione di Borja Mayoral?
"Ha vissuto una crescita, ha trovato un allenatore che lo conosce perfettamente come Bordalas. Andare al Getafe è stata una scelta saggia. Come quella di Mario Gila alla Lazio. Sarri era il tecnico perfetto per la sua crescita e la partita spettacolare che ha giocato contro il Bayern Monaco lo ha confermato".