Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Serie A
Roma, aprile di fuoco tra Feyenoord e scontri diretti per la ChampionsTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 31 marzo 2023, 07:45Serie A
di Dario Marchetti

Roma, aprile di fuoco tra Feyenoord e scontri diretti per la Champions

Ventotto giorni, sette partite e due obiettivi per la Roma: l’accesso alle semifinali dell’Europa League e restare agganciata alla zona Champions. Il mese di aprile sarà quello della verità in casa giallorossa e per questo nessuno a Trigoria, in questo momento, ha voglia di soffermarsi troppo sul futuro incerto di diversi protagonisti. La testa è solo al campo e se l’inizio del mini tour de force sarà più “soft” affrontando Sampdoria e Torino a distanza di sette giorni l’uno dall’altra, ci penserà la seconda quindicina di aprile ad infuocare il mese.

Perché nel doppio confronto con il Feyneoord si inserirà la sfida all’Olimpico contro l’Udinese, ma dopo il match di ritorno con gli olandesi, i giallorossi affronteranno, nell’ordine, Atalanta e Milan, due scontri diretti validi per un posto in Champions League.

Dunque vietato sbagliare perché dai due obiettivi della Roma già citati passa anche quel futuro di quei protagonisti come Mourinho, Dybala e Smalling che oggi non vuole essere affrontato, ma che necessariamente sarà discusso da maggio in poi. La speranza e la volontà dei Friedkin è di averli tutti anche il prossimo anno, con tanto di un posto in Champions che rilancerebbero anche le ambizioni di un allenatore arrivato nella Capitale due anni fa e che ora vuole fare il salto di qualità per provare a competere per vincere anche in Italia.