Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Serie A
Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 24 giugnoTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 25 giugno 2024, 01:00Serie A
di Giacomo Iacobellis

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e retroscena del 24 giugno

Il punto su tutte le news di calciomercato della giornata appena andata agli archivi. Tra indiscrezioni, trattative e retroscena ecco le notizie più importanti.
DOUGLAS LUIZ-JUVE, VISITE MEDICHE A LOS ANGELES E DUE BIANCONERI ANDRANNO ALL'ASTON VILLA. IL POSSIBILE SOSTITUTO DI CALHANOGLU ALL'INTER E L'ALTERNATIVA A ZIRKZEE PER IL MILAN. CONTE VUOLE TRATTENERE A NAPOLI KVARA E DI LORENZO. LA LAZIO LAVORA AL DOPPIO COLPO DAL VERONA, LA FIORENTINA PENSA A MUSSO E IL MONZA CI PROVA PER CANDREVA

Mattia Perin resta in bianconero. Una scelta chiara quella fatta dal portiere di Latina, che nelle ultime settimane ha declinato numerose proposte. Una scelta di vita - sottolinea Tuttosport - quella di proseguire il suo rapporto con la Juventus, dove è molto apprezzato dalla dirigenza sia come portiere sia come uomo-spogliatoio. Toccherà quindi a Mattia fare da chioccia al nuovo portiere titolare Michele Di Gregorio. Avanti insieme dunque. Pronto da parte del dt bianconero Giuntoli, che si è speso in prima persona per convincere Perin a rimanere ancora alla Juve, il rinnovo del contratto. Lavori in corso col suo agente Alessandro Lucci per sistemare gli ultimi dettagli. Dalla Continassa hanno messo sul piatto il prolungamento fino alla stagione 2025/2026 con opzione di rinnovo per la stagione successiva; mentre il portiere preferirebbe siglare direttamente un legame triennale. La sensazione è che si possa chiudere a metà strada, ovvero col rinnovo biennale che automaticamente si allungherebbe al 2027 al raggiungimento di tot presenze. L'accordo - conclude Tuttosport - comunque non è minimamente in dubbio. Tanto che Perin ha declinato senza il minimo dubbio, la scorsa settimana, le avance dei turchi del Fenerbahce, che erano pronti a garantirgli uno stipendio quasi al doppio di quanto percepisce a Torino (1,5 milioni a stagione). Niente da fare. Il portiere ha sfoggiato l’ennesimo “no grazie” di questa sua estate.

Douglas Luiz è sempre più vicino alla Juventus. Il centrocampista dell'Aston Villa effettuerà le visite mediche direttamente a Los Angeles, dove si trova con il Brasile per disputare la Copa America, che la Seleçao inizierà nella notte italiana. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, dopo i controlli firmerà un contratto da 5 milioni di euro a stagione. Agli inglesi andranno 24 milioni di euro per il cartellino, più Samuel Iling-Junior e Enzo Barrenechea, per una valutazione complessiva tra i 50 e i 60 milioni. Un altro capitolo è quello relativo a Khephren Thuram, centrocampista del Nizza e fratello di Marcus, attaccante dell'Inter campione d'Italia in carica e grande avversaria per lo scudetto. Lo stipendio che andrebbe a percepire il classe 2001 sarebbe di 3,5 milioni a stagione, circa la metà di quanto prende oggi Rabiot dai bianconeri. Il suo contratto scadrà nel 2025 e per poco più di 15 milioni di euro può lasciare la Costa Azzurra. Un sogno molto complicato invece è quello rappresentato da Teun Koopmeiners. L'olandese infatti costa troppo, addirittura 60 milioni di euro e l'Atalanta non intende fare sconti. Il centrocampista è uno dei profili più apprezzati da Giuntoli, che ha un accordo di massima con l'agente del calciatore, ma la strada continua a essere in salita.

Juventus molto attiva sul fronte calciomercato. Oltre rimodellare il centrocampo, con l'imminente arrivo di Douglas Luiz e le trattative per Thuram e Koopmeiners, i bianconeri pensano anche al reparto difensivo. L'obiettivo numero uno è Calafiori, ma al momento il Bologna non abbassa le richieste. I bianconeri non perdono le speranze e sono pronti anche ad aspettare: magari la fine dell'Europeo, che il diretto interessato sta giocando da protagonista con la maglia dell'Italia. Nel frattempo, però, delle alternative sono già presenti sul taccuino di Giuntoli. La principale corrisponde al nome di Jakub Kiwior, nei pensieri di Thiago Motta già prima di diventare il nuovo tecnico bianconero. Il mister ha infatti allenato il giocatore allo Spezia e ne ha sfruttato le potenzialità come forse nessun altro nella sua carriera. Stando a quello che riporta La Gazzetta dello Sport, negli ultimi giorni ci sono stati dei nuovi contatti. La Juve punta al prestito, da capire se l'Arsenal - club proprietario del cartellino del giocatore - sia d'accordo o meno con questo tipo di soluzione. Con i Gunners Kiwior ha giocato in stagione 30 partite, non sempre partendo dall'inizio e non essendo certo una prima scelta. A Torino può ritrovare un suo vecchio maestro e magari rifiorire.

Douglas Luiz è sempre più vicino alla Juventus. Secondo quanto riportato dal giornalista Fabrizio Romano, l'Aston Villa infatti sta organizzando in queste ore le visite mediche di Samuel Iling-Junior ed Enzo Barrenechea, i due calciatori che saranno inseriti nell'affare come contropartite tecniche. L'inglese si sottoporrà ai test martedì e poi firmerà il contratto fino al 2029, mentre l'argentino li sosterrà in settimana.

Hakan Calhanoglu potrebbe sfruttare l'interesse del Bayern Monaco per ottenere un altro prolungamento del contratto, allungando l'attuale scadenza dal 2027 al 2028 con conseguente adeguamento dell'ingaggio. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, l'Inter sta attendendo le mosse del centrocampista e del club interessato, dato che nessuno si è fatto sentire. I nerazzurri non hanno gradito l'atteggiamento del turco e la tensione si avverte. In Viale della Liberazione non aprono alla possibilità di una nuova intesa. Pure Simone Inzaghi, in vacanza, sta vivendo la situazione con un pizzico di apprensione. Il tecnico lo ritiene fondamentale, lo considera incedibile e soprattutto non credeva che potesse manifestare segnali di insofferenza. Urge chiarezza, dunque servirà un intervento in prima persona probabilmente del turco. Nessuno verrà trattenuto contro voglia, ma per l'ex Milan serviranno necessariamente 50-60 milioni di euro. Calhanoglu è stato uno dei protagonisti indiscussi della stagione dell'Inter. L'ex Bayer Leverkusen è sceso in campo 32 volte in Serie A, 6 in Champions League e 2 in Supercoppa Italiana, totalizzando 40 presenze. Il dato sorprendente sono i 15 gol segnati, 13 in campionato e uno in ciascuna delle altre due competizioni. Dovesse lasciare Milano, sarebbe un duro colpo anche per i tifosi, che lo hanno accolto da subito con grande entusiasmo.

Il Bayern Monaco insiste per Hakan Calhanoglu. L'Inter non vorrebbe privarsi del suo centrocampista più prolifico, ma il turco potrebbe fare le valigie in direzione Germania. Per meno di 50 milioni di euro non si muoverà sicuramente da Milano, ma i bavaresi non hanno problemi economici e per tentare l'assalto alla Bundesliga e alla Champions League sono pronti a scommetterci. Calhanoglu è stato uno dei protagonisti indiscussi della stagione dell'Inter. L'ex Bayer Leverkusen è sceso in campo 32 volte in Serie A, 6 in Champions League e 2 in Supercoppa Italiana, totalizzando 40 presenze. Il dato sorprendente sono i 15 gol segnati, 13 in campionato e uno in ciascuna delle altre due competizioni. Dovesse lasciare Milano, sarebbe un duro colpo anche per i tifosi, che lo hanno accolto da subito con grande entusiasmo. Baccin, Ausilio e Marotta stanno già sondando il terreno per eventuali sostituti. Il sogno, quasi impossibile, è riportare alla base Mateo Kovacic, ma il Manchester City non ha intenzione di cederlo. Dopo Real Madrid e Chelsea, per il croato, si tratterebbe di un ritorno. Altri profili graditi come quelli di Matteo Pessina e Jerdy Schouten sono da tenere in considerazione. Il primo è un perno del Monza, squadra di cui è capitano, il secondo invece è diventato campione di Olanda con il PSV Eindhoven. A riportarlo è Il Giorno.

Il Manchester United è in pressing su Joshua Zirkzee. Come vi abbiamo raccontato domenica, i Red Devils sono pronti a pagare la clausola e a portare l'attaccante del Bologna in Premier League. La notizia viene confermata da Sky Sports UK, secondo cui nelle ultime ore ci sarebbero stati ulteriori contatti tra l'entourage del centravanti olandese e la dirigenza del club inglese. Il Milan resta alla finestra, continua a lavorare su questa pista e attende una decisione del calciatore (che dovrebbe arrivare dopo l'Europeo). Ma proprio perché consapevole che Zirkzee possa scegliere l'Inghilterra il club rossonero sta sondando altri nomi. Tra questi, secondo il Daily Mail, c'è anche Dominic Calvert-Lewin. La punta classe '97 ha un contratto in scadenza tra un anno con l'Everton e potrebbe rappresentare una buona occasione di mercato. Dei colloqui - scrive il tabloid - ci sono già stati, un sondaggio esplorativo per un attaccante reduce da una stagione fatta di 7 gol in 32 presenze in Premier League.

Il Milan continua a spingere per regalare un primo acquisto al nuovo allenatore Fonseca. In attesa di capire se il Diavolo sarà in grado di sbrogliare la matassa intorno a Zirkzee, si sta avvicinando a grandi passi a Emerson Royal (25 anni), esterno brasiliano in forza al Tottenham ed ex Barcellona. I rossoneri continuano a discutere con gli Spurs per trovare la definitiva quadratura per portare a conclusione la trattativa sul classe 1999. Moncada non ha intenzione di spingersi oltre il tetto di 20 milioni di euro, cifra alla quale l'affare può arrivare in fondo. Intanto nelle scorse ore lo stesso Emerson è uscito allo scoperto sulla vicenda: "Sapere che il Milan sta parlando con il Tottenham è molto gratificante perché è una squadra nota per avere giocatori brasiliani. Aspettiamo e vediamo cosa succederà".

Josep Martinez e l'Inter: un matrimonio che sembrava cosa fatta e che invece sta trovando più ostacoli del previsto. Non avendo trovato la quadra nel corso della scorsa settimana, le parti si sono prese una pausa di riflessione nel weekend. Nel frattempo, come da prassi, altri nomi sono stati accostati alla porta nerazzurra: su tutti quello del danese Filip Jorgensen, 22enne del Villarreal. Nella giornata di lunedì, stando a quello che riporta La Gazzetta dello Sport, Inter e Genoa torneranno a parlare di questa trattativa. Un ruolo decisivo lo può giocare Gaetano Oristanio, reduce da una stagione a Cagliari e individuato dai liguri come la contropartita tecnica giusta da inserire nell'affare. Il trequartista arriverebbe o a titolo definitivo o in prestito con obbligo: la sua valutazione è di circa 5 milioni da sommare a una decina di cash per arrivare ai 15 stabiliti dai due club. L’ostacolo al momento è l’opzione di riacquisto, che l’Inter pretende per non perdere del tutto il talentino cresciuto in casa. A complicare ulteriormente le cose arriva l'inserimento del Venezia, formazione neopromossa in A che tenta Oristanio garantendogli probabilmente un minutaggio superiore rispetto a quello che avrebbe con la maglia del Genoa. Il giocatore è interessato: da capire quanto questo possa spostare gli equilibri nell'affare Martinez.

Antonio Conte non vuole scontenti al Napoli, ma allo stesso tempo non vuole nemmeno cessioni eccellenti come quelle di Khvicha Kvaratskhelia e Giovanni Di Lorenzo. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, l'ultimo contatto tra il tecnico pugliese e il capitano azzurro è avvenuto dopo la sconfitta contro la Spagna ed è stato ovviamente telefonico. Il calciatore ha ribadito che vorrebbe andare via, l'allenatore invece che non lo lascerà partire. Il suo agente Mario Giuffredi ha concordato con la società un paio di settimane fa che, dopo la fase a gironi, avrebbe fatto un nuovo punto della situazione in una riunione con Conte e Manna, alla quale potrebbe partecipare anche il presidente partenopeo Aurelio De Laurentiis.

Aurelio De Laurentiis ha rinnovato a dicembre il contratto di Victor Osimhen, adeguandogli l'ingaggio e fissando a 120 milioni di euro la cifra della clausola che chi lo vuole deve pagare al Napoli. Secondo quanto riportato da Il Mattino, il problema è che in pochi ora sarebbero disposti a mettere sul piatto tutti quei soldi: Arsenal e Manchester United tra le società di Premier League e il PSG in Francia, anche se per la verità il club di Al-Khelaifi ha solo effettuato qualche timido sondaggio. Nessuna richiesta ufficiale è arrivata sul tavolo dei partenopei. La sua cessione non può essere legata all'arrivo di Romelu Lukaku perché il Chelsea, da quando Maresca siede sulla panchina dei Blues, non è più interessato al nigeriano. Infine c'è l'Arabia Saudita, che però non è una destinazione gradita dal diretto interessato.

Dopo Andrea Belotti, ormai ad un passo dal Como, la Roma dovrebbe piazzare presto un altro esubero. Si tratta di Rick Karsdorp, che potrebbe lasciare la Serie A per andare a giocare in Grecia. Stando a quello che riporta Relevo, il terzino olandese - 4 milioni lordi d’ingaggio e contratto in scadenza il 30 giugno del prossimo anno - interessa all’AEK Atene. La formazione allenata da Matias Almeyda ha chiuso lo scorso campionato greco in seconda posizione dietro al Paok Salonicco ed è alla ricerca di un nuovo profilo per la fascia destra. Karsdorp era finito nella lista dei cedibili già durante la gestione di Mourinho e anche con De Rossi è rimasto ai margini della formazione titolare, soprattutto dopo la disastrosa prestazione contro il Bayer Leverkusen nella semifinale di andata di Europa League all’Olimpico. Chiaramente non rientra nei piani per la prossima stagione, finendo dunque nella lista dei giocatori che il nuovo ds giallorosso Ghisolfi sta cercando di cedere per alleggerire organico e monte ingaggi. Possibili novità nelle prossime ore per il futuro di Karsdorp che, in Grecia o altrove, certamente non sarà ancora con la maglia della Roma dove non ha mai convinto del tutto a prescindere dalla guida tecnica.

Paulo Dybala non è ancora stato chiamato dalla Roma per intavolare una trattativa per il rinnovo, che eliminerebbe la clausola che scatterebbe nel mese di luglio. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, qualsiasi club internazionale potrà dunque prelevarlo per 12 milioni di euro. La dirigenza, a partire dal CEO Lina Souloukou e dal nuovo responsabile dell'area tecnica giallorossa Florent Ghisolfi, stanno studiando il da farsi, considerando anche l'opinione di Daniele De Rossi. L'agente della Joya si aspetta una chiamata quando la Roma comincerà la sua preparazione a Trigoria, a meno che il Manchester United, come scrivono in Argentina, non decida di mettere prima sul piatto i soldi richiesti. I Red Devils sono interessati, soprattutto perché a volere il fantasista è proprio il tecnico Erik ten Hag. La Premier League alletta il giocatore, anche se l'ingaggio superiore ai 6,5 milioni di euro annui frena l'interesse delle big. Nel 2023-2024 Dybala ha giocato 39 partite, di cui 28 in Serie A, 9 in Europa League e 2 in Coppa Italia, segnando 16 gol. La Joya in carriera vanta un Mondiale con l'Argentina, una Finalissima con la Seleccion, 5 scudetti, 4 successi in Coppa Italia, 3 in Supercoppa Italiana e una Serie B con il Palermo.


Noslin e Cabal. Sono questi i nomi caldi per il mercato della Lazio che in queste ore ha intensificato i contatti col Verona. Il club biancoceleste proverà infatti a chiudere il doppio colpo in entrata a stretto giro di posta. Sull'attaccante olandese la Lazio lavora ormai da tempo, con Baroni che ha chiesto esplicitamente anche il difensore colombiano. È un giocatore che considera con grandissimi margini di crescita e già pronto per il salto. Baroni li ha valorizzati a Verona e ripartendo con loro sarebbe avvantaggiato nella ricostruzione della squadra. Noslin e Cabal dunque sono le richieste del neo allenatore Baroni a Lotito, i fedelissimi che vorrebbe portarsi dietro nella nuova avventura a Roma. Il Verona ha aperto alla doppia cessione (20 milioni più bonus la valutazione), ora resta da capire l'evolversi della situazione. Il tutto, mentre la Lazio porta avanti anche a pista che porta a Samardzic dell'Udinese.

Non c'è solo il nome di Lazar Samardzic nei piani di mercato della Lazio (leggi qui le ultime). Il club biancoceleste, infatti, nelle ultime ore secondo quanto riporta Sky Sport ha fatto un blitz una trattativa col club inglese nel tentativo di superare la concorrenza della Juventus (l'altra squadra interessata al calciatore). La Lazio è alla ricerca di un giocatore offensivo per il post Felipe Anderson, ecco perché l'interesse è concreto per Greenwood. Da registrare come i biancocelesti avevano già avanzato un'offerta: 20 milioni più il 50% della rivendita, ma la risposta dello United era stata negativa. Trattativa complicata e richiesta alta (30 milioni di sterline), ma i contatti proseguono e anche la Lazio è in corsa per Greenwood.

Si respira pessimismo in casa Fiorentina in merito alle permanenze di alcune pedine a centrocampo. Oltre a Giacomo Bonaventura - su cui sarà mister Palladino ad avere l'ultima parola -, non arrivano segnali incoraggianti anche dal fronte Gaetano Castrovilli: a meno di inversioni in questa settimana, al momento non c'è l'intesa per il rinnovo del contratto in scadenza. Come raccolto precedentemente da TMW, inoltre, se ne andrà sicuramente Alfred Duncan, anch'egli in scadenza di contratto il prossimo 30 giugno e destinato a cambiare squadra. Chi resterà a Firenze è invece Antonin Barak. Il trequartista ceco ha un contratto fino al 2026 e, dopo essere stato molto vicino alla cessione lo scorso gennaio (c'era il Cagliari), anche per la sua duttilità tattica va verso la permanenza. Salvo ovviamente offerte irrinunciabili.

La Fiorentina si appresta a vivere un'estate movimentata sul mercato e potrebbe fare qualche mossa anche in porta. Il titolare delle ultime stagioni Pietro Terracciano non sembra avere il posto in pericolo (anche se su di lui si è mosso nelle scorse settimane il Genoa) ma il suo vice Oliver Christensen non ha convinto e il suo posto nella rosa viola appare fortemente in discussione. In estate il danese sembra destinato a salutare, dopo un solo anno trascorso a Firenze, e la Fiorentina studia i profili da inserire al suo posto. L'ultima idea porta all'Atalanta e all'estremo difensore argentino Juan Musso, chiuso nell'ultima stagione dalla crescita del giovane Carnesecchi alle sue spalle e pronto a cambiare aria già nella prossima finestra di trasferimenti dopo che in generale dal suo arrivo datato estate 2021 le cose non hanno mai preso il volo. Il classe 1994 nella stagione da poco terminata ha vestito i panni del portiere di coppa della Dea, raccogliendo 11 apparizioni in campionato e 13 tra Europa League e Coppa Italia. Secondo quanto appreso, dalle parti di Bergamo sarebbero disposti a liberarlo per una cifra tra i 14 e i 15 milioni di euro, da capire se la Fiorentina si spingerà a questo tipo di spesa per aggiungere alla sua squadra un portiere come Musso.

Potrebbe sbloccarsi nei prossimi giorni l'uscita di Jonathan Ikone dalla rosa della Fiorentina. L'esterno francese classe 1998 non ha lasciato il segno sperato nei due anni e mezzo da lui trascorsi a Firenze con il colore viola indosso. Era il mercato invernale del 2022 (quello del pesante addio a Vlahovic, per intendersi) quando la società toscana versò oltre 15 milioni di euro nelle casse del Lille campione di Francia in carica. Su Ikone avanzano da qualche giorno sirene dal mondo arabo, in particolare dal Qatar. Stando alle informazioni che circolano è in arrivo una proposta ufficiale da parte dell'Al Arabi (la squadra in cui gioca Verratti), molto intrigante soprattutto per quanto riguarda il giocatore. Secondo quanto appreso da TMW, infatti, per Ikone l'Al Arabi ha prospettato un ricco contratto da 4 milioni di euro di ingaggio annuo. Alla Fiorentina invece non è ancora arrivata una proposta ufficiale, ma il club viola ha fissato il prezzo di vendita attorno ai 10 milioni. Ikone alla Fiorentina ha giocato 115 partite ufficiali, mettendo a segno 12 gol.

Antonio Candreva e il Monza: un matrimonio che potrebbe finalmente concretizzarsi, dopo due anni di flirt non andati a buon fine. Secondo quanto riporta La Gazzetta dello Sport, già da qualche giorno ci sono contatti tra chi cura gli interessi del giocatore della Salernitana e il club brianzolo. L'intenzione è capire la disponibilità reciproca e comprendere i margini dell’operazione. Candreva ha ancora un anno di contratto con la Salernitana, ma tutti sanno che il club campano sta affrontando una profonda ristrutturazione dopo la retrocessione in B. Normale che Candreva, ancora in perfette condizioni fisiche a 37 anni abbondanti, possa aspirare ancora a giocare in A. Su di lui hanno chiesto informazioni anche Como e Fiorentina. Ecco perché il Monza si è mosso con un po’ di anticipo, forte anche delle relazioni intessute negli anni precedenti. Candreva non dovrebbe avere grossi problemi a trovare il modo di uscire dall’accordo in corso con la Salernitana. Lui gradirebbe giocare nella categoria a lui più gradita e i campani preferirebbero risparmiare i 400 mila euro da versare entro il 30 giugno ,per sciogliere il contratto in essere. Una via di mezzo si troverà. Poi dal primo luglio sarà libero e potrà firmare con chi vorrà e il suo cartellino a costo zero affascina diversi club.

Jean-Victor Makengo, centrocampista del Lorient, potrebbe tornare in Italia dopo l'esperienza all'Udinese, con il Monza che ha messo gli occhi su di lui. Secondo quanto riportato dal Corriere dello Sport, ci sono però anche altre società che lo stanno corteggiando dalla Serie A come Lecce, Empoli e Verona. La formula preferita per i francesi è quella di una cessione a titolo definitivo, ma non è da escludere che con il passare del tempo si possano trovare altri incastri. Adriano Galliani però prima dovrà perfezionare delle uscite e una di queste potrebbe essere quella di Andrea Colpani, il cui valore si aggira intorno ai 20 milioni di euro. Contatti avviati tra il Marsiglia e i brianzoli, con l'OM che sfida Lazio e Fiorentina.

L'ARSENAL BLINDA UN PORTIERE, IL BAYERN MONACO SALUTA UN ATTACCANTE. COLPO BELGA DELL'AJAX, RIEDER LASCIA IL RENNES E VOLA IN GERMANIA

Il Bayern Monaco cede Pau Wanner in prestito all'Heidenheim. Si tratta di un attaccante, 18 anni, reduce da una buona esperienza in Zweite Bundesliga. Ad annunciarlo è il sodalizio bavarese stesso: "L’FC Bayern ha ceduto in prestito Paul Wanner all’Heidenheim fino alla prossima estate. Il 18enne attaccante ha maturato esperienza in prestito all'Elversberg in seconda divisione la scorsa stagione e ora avrà una possibilità nella massima serie tedesca. Wanner è entrato nel settore giovanile dell'FC Bayern nel 2018".

Fabian Rieder lascia il Rennes e si trasferisce in Germania. Il centrocampista svizzero viene ceduto in prestito allo Stoccarda per una stagione. A darne l'annuncio è il club tedesco stesso con un comunicato ufficiale: "Benvenuto al VfB, Fabian! Il giocatore della nazionale svizzera Fabian Rieder passa al VfB in prestito dallo Stade Rennes per un anno".

Primo colpo estivo per il Lens. Il club francese ha ufficializzato l'acquisto di Hervé Koffi, nazionale burkinabé, a titolo definitivo dallo Charleroi. Si tratta di un portiere, 27 anni, che viene acquistato come vice di Brice Samba. Di seguito il comunicato ufficiale pubblicato dal Lens:

L'Arsenal rinnova il contratto di Karl Hein. Il portiere classe 2002 ha firmato il prolungamento, come annunciato dai Gunners tramite un comunicato ufficiale: "Siamo lieti di confermare che Karl Hein ha firmato un nuovo contratto con il club. Il nazionale estone si è unito a noi nel 2018 dal club della sua città natale, il Nõmme United, dove ha esordito all'età di 16 anni.

Jorthy Mokio all'Ajax, è ufficiale. Il difensore di 16 anni lascia il Gent per trasferirsi ad Amsterdam e unirsi alla corte del neo allenatore Francesco Farioli. Nella scorsa stagione il giovanissimo centrale ha giocato nella massima squadra giovanile nel club belga, debuttando poi in prima squadra. Secondo gli accordi presi, il ragazzo si unirà alla squadra Under 23 dell'Ajax.