Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Serie A
Le pagelle del Napoli - Kvara come Shiffrin, Kim e Rrahmani da 7. Gollini impeccabile all'esordioTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 11 marzo 2023, 20:04Serie A
di Pierpaolo Matrone

Le pagelle del Napoli - Kvara come Shiffrin, Kim e Rrahmani da 7. Gollini impeccabile all'esordio

Risultato finale: Napoli-Atalanta 2-0

Gollini 6,5 - Viene a sapere di dover debuttare, causa infortunio occorso a Meret, un quarto d'ora prima del fischio d'inizio. Qualcuno potrebbe risentirne, ma non lui. Esordio impeccabile.

Di Lorenzo 6 - A volte rischia un po', ma se la cava sempre egregiamente. Chiude con sette palle recuperate e neanche una persa.

Kim 7 - Zapata è un cliente scomodo, ci perde anche una battaglia ma è una cosa rara, perché la guerra la vince lui. I suoi interventi sono anche spettacolari, tant'è che il Maradona si esalta e urla il suo nome quasi come se avesse segnato. E' il re dell'area di rigore del Napoli. Dal 76' Juan Jesus s.v.

Rrahmani 7 - Massima abnegazione, rompendo anche la linea se necessario e andando a prendere alti gli avversari, cercando di asfissiarli e non lasciarli ragionare. La ciliegina sulla torta è il gol che mette il risultato al sicuro con un colpo di testa anche molto bello da vedere.

Mathias Olivera 6 - Tiene botta in difesa, senza dare spazio a Hojlund prima e a Muriel poi. Si sovrappone meno del solito, facendo mancare in parte il suo contributo nella metà campo avversaria.

Zambo Anguissa 5,5 - L'apporto in fase difensiva non manca mai, è lui a recuperare la sfera sull'azione che stappa la partita, ma quando la palla ce l'ha lui attiva la versione slow-motion e dimostra che in questo periodo è un po' sulle gambe.


Lobotka 6,5 - Bisogna aspettare l'ora di gioco e il passaggio numero 56 della sua partita per vederlo sbagliare. Ed è l'unico tocco errato della sua partita, nonostante ormai venga ingabbiato in ogni partita, essendo la principale fonte di gioco del Napoli. (Quasi) Perfetto.

Zielinski 5,5 - Mancano brio e lucidità, sbaglia troppi passaggi, a volte anche appoggi semplici. Complice anche la stanchezza, pare quasi bivaccare a centrocampo per un tempo. Un po' meglio nella ripresa. Dal 66' Ndombele 6 - Approccia bene, spendendosi in entrambe le fasi. L'abbraccio felice con Spalletti a fine partita testimonia la sua buona partita.

Politano 6,5 - Ha una chance dall'inizio per l'infortunio di Lozano e tanta, tantissima voglia di sfruttarla. Fin dall'inizio pare indiavolato, tra dribbling e ripiegamenti difensivi ma anche conclusioni in porta (due pericolose in meno di un tempo). Dal 66' Elmas 6,5 - Corre tantissimo, non per questo perde brillantezza. Aiuta nella gestione del risultato e si regala anche l'assist per il 2-0 di Rrahmani.

Osimhen 6,5 - Senza Lozano è più isolato al centro dell'attacco, nella morsa dei centrali dell'Atalanta. Si sbatte, cerca spazi. E' meno letale del solito in area di rigore, ma lavora tanto per la squadra. Dall'85' Simeone s.v.

Kvaratskhelia 7,5 - La disciplina olimpica in cui eccellerebbe, forse al pari di quanto fa su un prato verde, è lo slalom gigante, emulando Mikaela Shiffrin nel giorno in cui quest'ultima ha riscritto la storia dello sport. Destra, sinistra, ancora destra: sterzate e controsterzate che ubriacano gli avversari. Ed è così che confeziona il gol dell'1-0, il suo undicesimo in campionato. Dall'85 Zerbin s.v.

Luciano Spalletti 7 - Rimanda il turnover, limitandosi ai due cambi forzati Polita e Gollini. Inizialmente non è sembrata una grande idea, il suo Napoli pare di nuovo meno brillante, ma alla distanza sale in cattedra come sa, cominciando a lavorare sugli esterni per circumvanigare la densità centrale preparata da Gasperini (in stile Sarri). Quando capisce - e suggerisce ai suoi - di palleggiare di più e verticalizzare meno vince la partita.