Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / avellino / Ex biancoverdi
Vullo: "Dall'Avellino ci si aspetta di più, importante confermare Perinetti e Pazienza. Nel 2002..."TUTTO mercato WEB
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
sabato 15 giugno 2024, 10:46Ex biancoverdi
di redazione TuttoAvellino
per Tuttoavellino.it

Vullo: "Dall'Avellino ci si aspetta di più, importante confermare Perinetti e Pazienza. Nel 2002..."

Intervistato da TuttoMercatoWeb Radio, l'ex calciatore e allenatore dell'Avellino, Salvatore Vullo ha parlato della stagione dei biancoverdi: “Dall’Avellino ci si aspetta sempre qualcosa in più. È stato investito tanto e la squadra avrebbe potuto fare di più, era la più attrezzata. Si è ripreso solo all’ultimo, ma si doveva puntare alla vetta piuttosto che fare i playoff. Riconfermare lo staff, con Perinetti e Pazienza è importante, nonostante magari non tutti i tifosi siano poi così contenti. Ho sempre stima del tifo avellinese, ma ultimamente si è parlato un po’ troppo. Per il calciomercato invece serve un leader in mezzo al campo".

Infine un ricordo della promozione in B conquistata nel 2003: "Nel 2002-03 venni chiamato perché c’erano stati dei problemi con l’allenatore precedente poco prima dell’inizio del campionato. Addirittura la società mi aveva chiesto di dover centrare la salvezza, ma in sede di pianificazione chiesi comunque premi in caso di raggiungimento dei playoff o di promozione; mi presero per pazzo. Acquistammo poi Marra come regista, Molino e Mimmo Cecere portiere. Insomma abbiamo preso giocatori da tutte le parti e abbiamo creato un grande gruppo, che alla fine ha vinto il campionato. Da ex calciatore dell’Avellino invece mi sento ancora con Colomba e Bergossi, mentre Tagliaferri purtroppo è venuto a mancare. Ricordo anche che In Serie A abbiamo avuto  pure Angelillo, che ci faceva giocare divertendoci. Vincevamo perché giocavamo bene”.