Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / bari / In Primo Piano
Bari, linea verde. Cangiano e Benedetti nel mirino: perché fanno gola a Polito
sabato 25 giugno 2022, 21:00In Primo Piano
di Claudio Mele
per Tuttobari.com

Bari, linea verde. Cangiano e Benedetti nel mirino: perché fanno gola a Polito

La Serie B è un campionato dove è fondamentale disporre dei migliori Under. Lo impone il regolamento, che prevede massimo 18 calciatori nati dal 1998 in poi da tesserare, e un calcio fluido, dinamico che ben si sposa con le caratteristiche di questi ragazzi. Basti pensare che qualche mese fa la Cremonese ha trionfato con una squadra piena zeppa di giovani promesse e il Lecce ha vinto il campionato con degli Under ora nel mirino delle big italiane.

Polito ne è ben consapevole e per questo ha già chiuso tre operazioni verdi: Dorval, Bosisio e Caprile saranno i primi tre colpi Under del Bari. In attesa dell'ufficialità di rito, il mirino del dirigente napoletano si è spostato in questa fase su altri due ragazzi: Leonardo Benedetti e Gianmarco Cangiano. Sul primo, nome a sorpresa degli scorsi giorni, il diesse ha trovato l'accordo col giocatore, ma manca quello con la Samp, che sta valutando la soluzione migliore per la crescita del ragazzo. Il secondo, al netto delle voci di calciomercato, è diventato da poco tempo obiettivo concreto del Bari, che vuole strappare un prestito al Bologna proprietario del cartellino. Vediamo insieme il profilo dei due obiettivi di mercato biancorosso.

Benedetti, nato del 2000, è un centrocampista duttile, capace di disimpegnarsi sia da mezzala che play davanti alla difesa. È un ottimo interprete in quasi tutti i ruoli della mediana, dotato di una cifra tecnica e visione di gioco da regista, con la capacità di portare tanta sostanza in mezzo al campo, oltre a qualche inserimento in zona offensiva che non guasta mai. Benedetti può contare anche su una buona struttura fisica: un metro e ottanta di altezza lo rende efficace nel corpo a corpo e nei duelli aerei. Cresciuto nel settore giovanile dello Spezia, nel 2018 si è trasferito alla Samp, con cui ha giocato un anno nel campionato Primavera. Nel 2019 ha esordito tra i pro in uno Spezia-Perugia, poi ha avuto un'esperienza a Pesaro. Lo scorso anno 5 gol in 35 presenze con l'Imolese, con cui ha ottenuto una salvezza ai play-out. Le sirene della B si sono accese da tempo.

Cangiano, classe 2001, è il classico esterno da tridente. Dal punto di vista tattico nasce come ala sinistra, ma può agire anche sulla corsia opposta e, in caso di necessità, da trequartista alle spalle di un attaccante. Dotato di un ottimo dribbling e di una formidabile velocità, sa abbinare le sue qualità ad una spiccata concretezza sotto porta. Cresciuto nel settore giovanile della Roma, ha percorso tutta la trafila con le giovanili giallorosse. Nel 2018/19 ha realizzato 14 gol in 29 presenze con la Roma, prima di passare al Bologna per 1,5 milioni. Nel 2020 la sua prima esperienza tra i pro con l'Ascoli, dove sotto gli occhi di Polito ha collezionato 25 gettoni segnando anche un gol. Quest'anno ha iniziato sotto gli ordini di Mihajlovic, giocando gli ultimi sei mesi a Crotone. Con diverse apparizioni nelle nazionali giovanili, il suo nome la scorsa estate è passato alla ribalta quando ha segnato il gol che ha deciso l’amichevole tra la rappresentativa Under 20 e la Nazionale di Roberto Mancini (pre-Europeo).