Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / bologna / Qatar 2022
Infantino: "Oggi mi sento qatariota, arabo, africano, gay e lavoratore immigrato"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Insidefoto/Image Sport
sabato 19 novembre 2022, 09:49Qatar 2022
di Andrea Piras

Infantino: "Oggi mi sento qatariota, arabo, africano, gay e lavoratore immigrato"

Nel corso della conferenza stampa di presentazione dei mondiali in Qatar, Gianni Infantino ha commentato: "Siamo stati pesantemente criticati. Oggi mi sento del Qatar. Oggi mi sento arabo. Oggi mi sento africano. Oggi mi sento gay. Oggi mi sento un lavoratore immigrato. Ricordo i miei genitori, che da immigrati hanno lavorato duramente, alle frontiere, cercando lavoro in Svizzera. Quando sono arrivato a Doha mi sono ricordato della mia infanzia, ho detto: 'Questo non va bene, dobbiamo fare qualcosa'. La Svizzera è un esempio di inclusione. Anche il Qatar ha fatto progressi. Certo che non sono del Qatar, non sono africano, non sono arabo, non sono gay, non sono un lavoratore migrante… Ma so cosa vuol dire essere vittima di bullismo per essere diverso a scuola, per avere i capelli rossi. Ecco perché non è facile leggere le recensioni ogni giorno da 12 anni. C'è un doppio standard. Sono europeo. Chi aiuta i lavoratori migranti? Lo fa la Coppa del Mondo, lo fa la FIFA. Circa 25.000 lavoratori immigrati sono morti a causa della politica migratoria europea dal 2014. In Europa chiudiamo i nostri confini e non accettiamo lavoratori che vengono a lavorare legalmente. Sì, c'è chi viene a lavorare. E poi critichiamo il Qatar. C'è un doppio standard".