Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / cagliari / Serie A
Venezia-Cagliari 0-0, le pagelle: super Maenpaa, attacco sardo disastrosoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 23 maggio 2022, 06:35Serie A
di Niccolò Pasta

Venezia-Cagliari 0-0, le pagelle: super Maenpaa, attacco sardo disastroso

Risultato finale: Venezia-Cagliari 0-0

VENEZIA (a cura di Paolo Lora Lamia)

Maenpaa 7 - Nettamente il migliore in campo dei suoi, per aver tenuto il risultato sullo 0-0 negando il gol a Rog nel primo tempo e a Bellanova e Altare nella ripresa.

Svoboda 6 - Oltre a fare il suo sul piano difensivo, tenta qualche volta di avviare l'azione. Più in sofferenza dopo l'intervallo.

Caldara 6 - Deve fronteggiare un osso duro come Pavoletti, tenendogli testa al meglio nel corso del match.

Ceccaroni 6,5 - Prestazione positiva per il centrale di sinistra del Venezia, con diverse ottime chiusure difensive come quella su Joao Pedro nel finale.

Mateju 5,5 - Si fa vedere in qualche occasione in avanti, ma soffre tremendamente prima contro Lykogiannis e poi contro Bellanova che spingono dalla sua parte.

Crnigoj 6 - Dà sostanza alla mediana, recuperando diversi palloni per poi tentare qualche inserimento in fase offensiva. Dal 55' Fiordilino 6 - Conferisce freschezza al centrocampo, entrando in una fase difficoltosa del match.

Ampadu 6,5 - In mezzo al campo fornisce una buona prova in entrambe le fasi, risultando uno dei più positivi tra i lagunari.

Haps 5,5 - Accompagna con grande costanza l'azione offensiva, lasciando però molto a desiderare nel momento in cui deve pensare a contenere.

Cuisance 6 - Parte tra le linee, per poi talvolta arretrare per dare ancora più il suo contributo in fase di impostazione. Dal 73' Tessmann 6 - Entra nel finale, aiutando principalmente in fase di non possesso.

Peretz 6 - Rispetto a Cuisance, si fa vedere maggiormente in avanti andando anche vicino al gol nel primo tempo. Dal 90' Leal sv.

Johnsen 5 - Funge da unica punta, avendo subito una palla gol e sprecandola malamente. Ennesima prova deludente del suo campionato. Dal 73' Mikaelsson 6 - Non viene chiamato in causa molte volte nell'ultimo quarto d'ora.

Andrea Soncin 6,5 - Onora il campionato fino alla fine, attaccando di più nel primo tempo per poi reggere l'urto cagliaritano nella seconda frazione di gioco.

CAGLIARI (a cura di Niccolò Pasta)

Cragno 6 - Non è costretto a grandi parate, con il Venezia che centra poco la porta

Altare 6 - Dei difensori sardi è quello più lucido. Praticamente perfetto negli uno contro uno, domina fisicamente e fa sue tutte le palle alte. Si vede anche in area avversaria, dove sui calci da fermo diventa pericoloso.

Ceppitelli 6 - Con un intervento ruvido a metà primo tempo si prende un giallo pesante, ma riesce a conviverci senza troppi problemi fino a fine gara. Un solo rischio, proprio ad inizio gara su Johnsen, ma per il resto marca bene gli attaccanti veneti. Dal 58’ Lovato 6 - Amministrazione nel finale, con il Cagliari tutto in avanti.

Carboni 6 - Pochi rischi, gara ordinata e attenta. Tanto basta.

Bellanova 5,5 - Un po’ di confusione lungo la corsia. Attacca a fasi alterne, ma quando arriva al cross non sempre è preciso. Pecca di lucidità in alcune scelte, anche se l’occasione migliore dei suoi è sua, con un colpo di testa salvato solo da un miracoloso Maenpaa.

Nandez 5,5 - Qualche sgroppata palla al piede, tanta sostanza nel mezzo. Cresce con l’andare della gara e prova a dare il cuore per il risultato dei sardi, ma al momento dell’ultima scelta non sempre indovina la giocata.

Grassi 6 - Dopo un inizio complesso mette in ordine il reparto, prendendo le misure al centrocampo del Venezia e dando ordine alla manovra dei sardi. Buon lavoro in entrambe le fasi. Dall’80’ Pereiro sv

Deiola 5,5 - Un po’ di confusione in mediana, con gli avversari del Venezia che lo lasciano sul posto in un paio di occasioni, specie ad inizio partita. Passata la fase più complessa, cresce come i compagni ma senza grandi spunti. Dal 58’ Marin 6 - Tanta corsa in un finale a senso unico.

Lykogiannis 5,5 - Non sembra stare benissimo ed infatti verrà sostituito nella fase finale del primo tempo. Nella sua abbondante mezz’ora, però, non attacca granché lungo la sinistra e non è perfetto nemmeno in chiusura. Dal 34’ Rog 6 - Si presenta con un tiro da lontano, che prende uno strano effetto e per poco non beffa Maenpaa. Prezioso nel legare i reparti, prova a dare più volte la scossa ai sardi in fase di possesso.

Joao Pedro 5 - Tanto cuore per il capitano del Cagliari, che cerca in ogni modo di trovare la rete che significherebbe Serie A, visto il risultato di Salerno. Sono sue le occasioni migliori, ma nel momento più importante l’italo-brasiliano non è lucidissimo e non riesce a segnare.

Pavoletti 5 - Prova a dare peso all’attacco del Cagliari, ma non ha grandi chance da rete. Non tocca molti palloni, prova a dialogare con Joao Pedro ma i due non combinano molto. Esce nel finale. Dall’80 Keita sv

Alessandro Agostini 5,5 - Gli si chiedeva un miracolo e, visto il ko della Salernitana, sarebbe bastato vincere per mantenere la categoria. I suoi giocano una gara di grande cuore, ma i limiti emotivi e tecnici della squadra emergono in maniera lampante. I sardi tornano in B, ma lui è l'ultimo dei colpevoli.