HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
11.02.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 22145 volte

Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile. Le colpe principali sono di De Laurentiis che ha voluto far finire il matrimonio e credeva di poter prendere un allenatore più rinomato sulla piazza per provare a ripetere le recenti imprese. Non si può considerare negativa la stagione del Napoli, anzi, ma la sensazione è che la società partenopea sia una eterna incompiuta. Sfiorato il miracolo dello scorso anno, la sensazione è che a De Laurentiis vada bene così e ha preferito ampliare maggiormente il suo business nel calcio (comprando il Bari) piuttosto che inseguire un sogno di un popolo intero. Lo scudetto lontano anni luce, non essere mai stato in corsa per il titolo ed essere stato eliminato dalla fase a gironi di Champions League, sicuramente, non renderanno magica la prima annata di Ancelotti. Carletto può farci poco, perché la squadra è troppo più indietro rispetto alla Juventus ma chi si aspettava che avesse la bacchetta magica è rimasto deluso. Non esistono allenatori con la bacchetta magica ma esistono allenatori che, in un posto piuttosto che in un altro, riescono ad incidere maggiormente. Era il caso di Sarri ed è per questo che il feeling doveva continuare. La Premier non è Napoli e, forse, per incidere in Inghilterra serve qualcosa di diverso. Sarri ha fatto bene il primo periodo, adesso, rischia addirittura l'esonero dopo i 6 gol di Manchester. Che Sarri sia un fenomeno lo dimostra il recente passato ma in blues qualcosa non sta andando per il verso giusto. Napoli, Sarri e Giuntoli... il mix era perfetto ma quando l'allenatore toscano ha deciso di non tollerare più il suo Presidente tutto si è rotto.
In casa Inter, la vittoria con il Parma, è una tachipirina data ad un paziente che soffre di patalogie ben più gravi dell'influenza. Siamo del partito che, realmente, non abbiamo mai pensato ad una Inter a rischio terzo posto. Il campionato, tranne per il quarto posto e la lotta salvezza, è noioso e monotono. Juve, Napoli e dietro l'Inter. Però, dopo un mercato estivo a 5 stelle, Spalletti avrebbe dovuto dimostrare qualcosa di più. In campionato, Champions e Coppa Italia. Finora è una stagione da 5 che, al massimo, può diventare 6. Sarebbe da 7 solo con la vittoria della coppetta europea. Su un tema, però, Spalletti ha ragione. Il caso Icardi, o se volete definirla telenovela va bene uguale, va risolto quanto prima. Non se ne può più a parlare sempre del rinnovo di Icardi. Fate tacere Wanda e la dirigenza nerazzurra prenda in mano la situazione. Vuoi più soldi? Eccoli. Oppure non ci sono. Certo, la scadenza è ancora lontana quindi, sinceramente, questa urgenza non si avvertiva. Siccome, però, queste discussioni distraggono il capitano dell'Inter, andrebbe risolta la situazione una volta per tutte. Icardi merita più soldi, siamo d'accordo, ma se continua a non segnare forse la signora Wanda dovrebbe andare a chiedere di ridurre i compensi al marito-assistito. Ovviamente è una provocazione, Icardi merita qualcosa in più ma deve ricordarsi di fare il professionista e di restare fuori da questa vicenda che inizia a diventare stucchevole. Marotta, pensaci tu.
La sorpresa della domenica si chiama Frosinone e il colpo di Genova, con la Sampdoria, fa tornare a sperare i tifosi ciociari e crea imbarazzo ad Empoli, Udine e Genova. Troppe squadre coinvolte. Solo il Chievo è, quasi, in B poi c'è una bella lotta che potrebbe far saltare i piani anche a società non abituate a queste posizioni di classifica. Complimenti a Marco Baroni perché vincere in trasferta con la Sampdoria non è mai semplice. Il Frosinone si sta rimettendo in carreggiata e, almeno, non ha finito il campionato a gennaio. La squadra ha dei limiti oggettivi di costruzione ma se continua con queste prestazioni potrebbe sfruttare il suicidio di qualcuno che continua a non correre per evitare la serie B. Baroni, da tempo, sta dimostrando di fare grandi cose in panchina. La serie A, finora, con lui non era stata gentile ma adesso che il Frosinone gli ha dato questa bella opportunità se la sta giocando alla grande. Salvarsi resta impresa ardua ma, almeno, la fiammella resta accesa con una certa costanza. Il mercato di gennaio non ha aiutato perché troppi calciatori hanno rifiutato Frosinone come destinazione in quanto data per spacciata. Forse, sbagliando.
A Roma qualcuno pensa già al dopo Monchi. Arrivò dalla Spagna come il Messia. Quello capace di fare grandi cose, di prendere giocatori a due lire, rivenderli a miliardi e se avanza tempo ti vinco anche qualche coppetta. A Roma si è presentato il fratello di Monchi. Tanti giovani presi ma ancora non valorizzati, tanti soldi spesi di investimenti che per ora non stanno tornando. Monchi, come tutti noi, abbiamo una scadenza. Se a fine stagione sarà addio non ci meraviglieremmo. In Italia siamo sempre fan dell'Estero perché diamo per scontato che quelli che arrivano da fuori siano più bravi dei nostri. Per la Roma si fa il nome di Daniele Faggiano, Direttore che a Parma sta facendo benissimo. Sarebbe l'uomo giusto per ricostruire la Roma. Faggiano è giovane, ha idee ma conosce anche benissimo il nostro calcio. Dalla D alla A. E, alla Roma, serve anche questo. Inoltre serve spessore nello spogliatoio, quello che Monchi non ha dimostrato sempre di avere. Tra scrivania e panchina, in estate, la Roma rischia una netta rivoluzione. Il top sarebbe anche sostituire Pallotta ma, per ora, non ci sono i presupposti. Faggiano da una parte e De Zerbi, in panchina, dall'altra potrebbero essere idee interessanti per la Roma del domani. Anche perché i due nomi non sono casuali. Direttore e Mister si stimano e hanno già lavorato insieme a Palermo. Anche se mettere nella stessa frase "lavorare" e "Palermo" stona un pò quando c'è Zamparini alla guida della società.
In chiusura un passaggio in serie B. Si sta riprendendo, ormai da settimane, il Benevento che punta senza mezzi termini al ritorno in serie A. Vigorito ha speso, come sempre, ma a questo giro c'è qualcuno che ha osato più di lui. A gennaio ha fatto ma non ha strafatto. E' il primo anno dove il numero 1 dei sanniti sembra più pragmatico e riflessivo, in sede di calciomercato. La squadra, spesso, difetta in personalità e partite che andrebbero vinte le pareggia o, addirittura, le ha perse. Bucchi è l'uomo giusto per questa società e per la piazza. Allenatore giovane e preparato ha dimostrato ovunque quanto vale. Il problema del Benevento era in campo ma ora, poco alla volta, Bucchi sta risolvendo tutto. La vittoria di Salerno conta molto più dei 3 punti. Adesso ai sanniti serve continuità di risultati e Bucchi ha già la ricetta per far arrivare questa squadra fino in fondo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: Conte in avvicinamento (e non arriva da solo...). Milan: la "finale" di Gattuso e un futuro già scritto. Juve: le polemiche e il campionato vinto a ottobre. Salvate il Var dagli arbitri! 09.04 - Parto con una primizia: lo scudetto è andato, assegnato, lo vince la Juve. Sarà per quei 323423423 punti di vantaggio sulla seconda. E allora parliamo d'altro, di una roba noiosa ma che ci tocca affrontare: parliamo di arbitri. E di Var. E di arbitri al Var. E di designatori che mandano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510