Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Ex viola
MACIA, Nella gara coi viola ci è mancato un golTUTTOmercatoWEB.com
venerdì 18 novembre 2022, 18:00Ex viola
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

MACIA, Nella gara coi viola ci è mancato un gol

Lungo incontro con la stampa per Eduardo Macìa in tarda mattinata, in cui, tra i vari argomenti, ha esposto le strategie di mercato dello Spezia, che ha chiuso il 2022 con un margine di sei punti sulla zona retrocessione: “Abbiamo preso gol importanti, con Fiorentina, Milan, quando pensavamo di essere in controllo. Dobbiamo migliorare qui. Non posso dire che prendere un giocatore, due, tre, ma devo mettere a disposizione del mister sedici titolari. L’atteggiamento in campo è migliorato, l’identità della squadra è chiara, ci sono state prestazioni in cui si è visto lo Spezia. Ci è mancato un po’ il risultato”.

Cosa manca allo Spezia? “Intensità mentale soprattutto. Abbiamo preso gol al novantesimo in più occasioni, e ciò dimostra che qualcosa manca. Ci manca, poi, chiudere le partite: il concetto del gol. Dobbiamo migliorare tanto su questo, su come arrivare con più giocatori in area, su come sfruttare le palle gol che creaiamo. Due gol ti danno la vita. Ci mancano tre gol: fallo con la Cremonese, con l’Udinese e con la Fiorentina, e cambia tutto. L’aspetto difensivo sta migliorando, con tre gol in più sono 7-9 punti in più. E non è poco. Ci manca quel qualcosa”.

Ci sono giocatori a cui il tifo è molto legato. Vuole costruire lo Spezia su di loro? “Alcuni possono dirti che vogliono fare un altro passo, che hanno bisogno di una nuova sfida. In quel caso ringraziamo e ne parliamo. Noi non spingeremo mai nessuno fuori. Il giocatore bandiera è sempre lì, che giochi o meno. Per fare un esempio del mio passato, Gonzalo Rodriguez, Borja Valero, ai tempi della Fiorentina non avevano legame con la tifoseria ma andavano in campo con la bandiera. I veri capitani si vedono nell’atteggiamento, nella responsabilità. Noi abbiamo bisogno di entrambi, di chi è bandiera e di chi porta la bandiera".