Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Radio FirenzeViola
PIERINI A RFV, Pereyra non è la priorità. Su Beto...
mercoledì 7 dicembre 2022, 14:15Radio FirenzeViola
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

PIERINI A RFV, Pereyra non è la priorità. Su Beto...

L'ex difensore della Fiorentina, Alessandro Pierini, si è così espresso ai microfoni di Radio FirenzeViola a cominciare dal Mondiale: "L'ho seguito, ma non è che mi entusiasmi. Anche se ci sono state delle sorprese, come la qualificazione del Marocco".

Se dovesse pescare dall'Udinese, sarebbe Pereyra uno dei primi giocatori a cui penserebbe?
"No, anche se ha esperienza in Italia e può ricoprire più ruoli. Però non lo vedo come priorità. Secondo me la Fiorentina è quantitativamente a posto, se poi lo dovesse prendere a parametro zero potrebbe essere ok. Beto? Per come gioca la Fiorentina, potrebbe non essere l'attaccante ideale".

La Fiorentina ha le qualità per andare avanti in Conference League?
"Credo di sì, ci sono squadre importanti però credo che anche la Roma l'anno scorso non fosse la più forte. Poi ha vinto. La Fiorentina può dire la sua".

Si aspettava un Mondiale migliore da parte di Milenkovic?
"Sì, però parlare di un giocatore solo è sempre difficile. Essendo un difensore entra anche maggiormente nel novero dei responsabili...".

La priorità a gennaio deve essere la difesa o l'attacco?
"A me in generale la squadra piaceva, poi questa prima parte di campionato è stata negativa e si può sempre migliorare. Ci sono state delle prestazioni di certi singoli un po' inaspettate, come Igor".