Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / L'esclusiva
AGOSTINELLI A RFV, Alla Lazio prenderei Nico. Ikoné e Felipe Anderson similiTUTTO mercato WEB
mercoledì 21 febbraio 2024, 11:18L'esclusiva
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

AGOSTINELLI A RFV, Alla Lazio prenderei Nico. Ikoné e Felipe Anderson simili

Andrea Agostinelli a Radio FirenzeViola
00:00
/
00:00

Su Radio FirenzeViola spazio all'ex Lazio Andrea Agostinelli, allenatore marchigiano che ha parlato così delle differenze tra Lazio e Fiorentina, prossime avversarie lunedì sera al Franchi: "Lazio e Fiorentina tecnicamente si possono anche somigliare, davanti hanno dei grandi giocatori, il problema sta nella continuità, soprattutto lato viola. Faccio l'esempio di Ikoné: è un giocatore che tecnicamente mi sembra straordinario, ma fa vedere solo a sprazzi il suo talento. Stesso discorso, anzi ancor di più accentuato, lo faccio per un calciatore come Felipe Anderson, che per me a livello di qualità è tra i primi cinque nella storia della Lazio. La differenza poi è che anche un Felipe Anderson al 50% fa la differenza, Ikoné no. 

La Lazio di quest'anno? La mancanza di Milinkovic Savic si è fatta sentire, forse ancora più di quanto si poteva pensare. Era un centrocampista da doppia cifra per gol e assist e permetteva a Sarri di variare anche gioco e appoggiarsi a lui nei rilanci dal fondo. Adesso la squadra fa più fatica a cambiare spartito.

Chi mi prenderei della Fiorentina alla Lazio? Direi Nico Gonzalez, senza dubbio. Poi Sarri dovrebbe trovargli anche un posto, ma non penso sia difficile. Poi mi piace tanto anche Arthur. Nel suo ruolo, come lui ce ne son pochi. Però, per la qualità che ha lui mi aspetto qualcosa di più rispetto al solito gioco pulito nello stretto, anche un contributo offensivo, qualche gol e qualche assist. Il brasiliano ha sicuramente fatto meno di quanto ci si aspettava in carriera".

E su Vincenzo Italiano: "Io son convinto che un tecnico dopo due-tre anni faccia fatica a rinnovarsi nello stesso ambiente, questa è una mia convinzione, un progetto tecnico dopo un po' perde di motivazioni. Detto questo, Italiano mi piace e penso possa trovare anche facilmente collocazione sul mercato in futuro".

QUI IL PODCAST INTEGRALE