Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Radio FirenzeViola
GIANNANDREA A RFV, Rodrigo Mora: ecco perché prenderloTUTTO mercato WEB
venerdì 14 giugno 2024, 17:05Radio FirenzeViola
di Redazione FV
per Firenzeviola.it

GIANNANDREA A RFV, Rodrigo Mora: ecco perché prenderlo

L'osservatore Giancarlo Giannandrea ha parlato ai microfoni di Radio FirenzeViola durante la trasmissione di approfondimento "Home Scouting" a cura di Giulio Dini esprimendosi su un interessante profilo portoghese attualmente tesserato col Porto B: Rodrigo Mora. Ecco le sue parole: "Rodrigo Mora, classe 2007, è un trequartista che può giocare anche da centrocampista interno. Possiede un'ottima tecnica nel primo controllo con il piede destro e mostra intelligenza nel saper leggere in anticipo le traiettorie della palla. È un giocatore che, al momento, non è pronto per ricoprire questo ruolo in modo ottimale, nonostante abbia buone capacità di inserimento e visione di gioco. Un difetto che posso riscontrare è che tiene troppo il pallone, facendogli perdere un paio di tempi di gioco. Se riesce a capire che può giocare anche a due o tre tocchi, interpretando la situazione di gioco, può sicuramente migliorare".

E poi: "Nei duelli è molto bravo nel saltare l'uomo in dribbling e nel dare subito dopo un filtrante, lanciando la palla in velocità. È un giocatore che legge in anticipo la giocata nella fase di non possesso. È un brevilineo, alto 1,68 m. Al momento, lo farei passare per una realtà intermedia per prepararlo, per poi lanciarlo tra i grandi in prima squadra".