Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Serie A
Genk, Heynen: "Contro la Fiorentina a viso aperto. Il palo di Arokodare? Lasciamo perdere"TUTTO mercato WEB
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
mercoledì 29 novembre 2023, 12:30Serie A
di Simone Lorini

Genk, Heynen: "Contro la Fiorentina a viso aperto. Il palo di Arokodare? Lasciamo perdere"

Bryan Heynen, capitano del Genk, parla al Corriere dello Sport della possibilità della sua squadra di centrare il passaggio del turno in Conference League, in caso di vittoria a Firenze dei belgi: "Ma non mi importa chi farà gol nella mia squadra. L’importante sarà fare una grande prestazione e vincere. Stiamo pensando da giorni alla gara con i viola e siamo pronti. Sarà decisiva. I punti in ballo pesano, tanto per noi quanto per la Fiorentina anche se credo che la pressione maggiore sarà quella che avranno i viola. In caso di vittoria sarebbero qualificati mentre invece, non vincendo, dovrebbero andarsi a giocare tutto in casa del Ferencvaros. E non sarebbe facile".
Si aspetta una gara diversa rispetto a quella di settembre?
"Lo sarà sotto tutti i punti di vista: e questo sia per il momento diverso che stanno vivendo le squadre sia per la spinta che arriverà dallo stadio. L’unica cosa che non cambierà sarà il modo in cui il Genk approccerà la gara: a viso aperto".
Cos’è mancato per vincere alla sua squadra nel turno d’andata?
"Un pizzico d’attenzione in più sui due calci d’angolo da dove la Fiorentina ha costruito i suoi due gol e la precisone nel finale per ribaltare il risultato".
Allude al palo colpito da Arokodare in pieno recupero?
"Non sapete quante volte sono tornato con la mente a quella occasione. Ma questo è il calcio. È inutile rimuginare troppo su quello che poteva essere e non è stato. La mia squadra è già proiettata al match di Firenze".