Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Calcio femminile
Roma, Giacinti: "Sarebbe stata la mia quarta finale persa. Dimostrata grande mentalità"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 25 maggio 2024, 02:37Calcio femminile
di Tommaso Maschio

Roma, Giacinti: "Sarebbe stata la mia quarta finale persa. Dimostrata grande mentalità"

L'attaccante della Roma Valentina Giacinti ha parlato in zona mista dopo la vittoria ai rigori sulla Fiorentina nella finale di Coppa Italia Femminile: “Siamo contentissime, per come si era messa la partita è stato difficilissimo ribaltarla, ma abbiamo dimostrato di avere grande mentalità. Questo gruppo è davvero forte e siamo contente di averla portata a casa”.

La vostra grande qualità è stata alzarla mentalmente quando forse nessuno ci credeva
“Noi sul 3-1 in panchina stavamo già pensando al peggio, dico la verità, perché era un risultato difficile da ribaltare contro una squadra così tecnica e che gioca, ma la forza del gruppo oggi ha vinto e penso che ce la meritiamo”

Il cambio è stato dettato da problemi fisici o altro?
“Non lo so, probabilmente il mister aveva bisogno di qualcosa di più sulla fascia. L'importante è stato aver portato a casa questa vittoria”.


Sul gol ci hai messo la testa anche rischiando qualcosa
“Quando ho visto la palla mi sono detta che vada come vada, mi prenderò un pugno in faccia, ma l'importante è segnare. Quando ho sentito il boato ho realizzato di aver fatto gol ed ero felicissima. La botta è passata”.

Vincere finalmente la Coppa dopo due finali perse è una liberazione?
“La mia sarebbe stata la quarta sconfitta perché avevo perso anche con la maglia del Milan proprio contro la Roma. Sul 3-1 non sapevo più cosa pensare, ho cercato di essere positiva e credere nelle mie compagne. Insieme da fuori abbiamo spinto forte”

Cosa vi siete dette prima dei rigori?

“Niente, solo chi era quella più fresca per calciare il rigore, quella che mentalmente se la sentiva. Ognuna di noi ha scelto e siamo andate in fiducia ecco”.

Cosa ti porterai dietro da questa stagione?

“Mi porto la Champions League dove penso di aver fatto un ulteriore step a livello internazionale, giocando con squadre di alto valore, mi ero prefissata a inizio stagione di voler fare bene non solo in campionato, ma anche in Europa. E poi i due titoli, ma anche il rammarico della Supercoppa. Capita di perdere una gara secca, potevamo perderla anche oggi, ma siamo riuscite a ribaltarla”.