Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / fiorentina / Serie A
Fiorentina, club furioso con la Serie A: chiesto un rimborso per Udine e scelte più rapideTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
lunedì 2 marzo 2020, 09:00Serie A
di Dimitri Conti

Fiorentina, club furioso con la Serie A: chiesto un rimborso per Udine e scelte più rapide

"Situazione inaccettabile". Alla fine anche la Fiorentina è uscita dal guscio, e nella prima domenica di marzo - che sarà ricordata come quella delle partite non giocate e delle schermaglie dirigenziali sui vari mezzi di comunicazione - ha reso nota la sua visione dei fatti a proposito del caos che sta scuotendo il movimento calcistico italiano. L'ha fatto per bocca di Joe Barone. Intervistato dalla Rai, il dg ha chiarito la stizza di parte viola, e ha trasformato in concretezza la sensazione di furia che pervadeva i vertici della società dopo la trasferta a vuoto di Udine. Nei confronti dell'organizzazione Serie A, perché - sottolinea lo stesso Barone - fino all'ultimo da parte della Lega era stato assicurato il regolare svolgimento dell'incontro a porte chiuse, tanto che la squadra si trovava già ad Udine al momento dell'annuncio del rinvio, giunto peraltro a meno di 6 ore dal fischio d'inizio. Un giro a vuoto costato all'incirca 60mila euro, per i quali il club viola chiederà un rimborso. Ad aver ferito di più nell'orgoglio è però il sentimento di abbandono a se stessi suscitato dai dirigenti della Serie A. Il poco tempismo, lo stesso lamentato anche nell'organizzare l'assemblea di Lega nella quale decidere le sorti passate, presenti e future del campionato italiano. “Credo che ora come ora sia più importante riunirsi prima di mercoledì: troviamoci domani o al massimo martedì", ha lamentato il dirigente italo-americano. D'altronde, va capito: chi arriva fuori dallo Stivale fa fatica ad adattarsi alle idee statiche e all'arte del procrastinare tutta italiana. Lo stesso - soprattutto - dicasi per Rocco Commisso: dagli Stati Uniti il numero uno della Fiorentina continua a monitorare una situazione che lui in primis avrebbe creduto meno complicata, meno ingolfata. Meno italiana.