Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / fiorentina / Qatar 2022
Un giallo per domarli tutti. Ecco perché 7 Nazionali rinunceranno alla fascia arcobalenoTUTTOmercatoWEB.com
lunedì 21 novembre 2022, 12:06Qatar 2022
di Michele Pavese

Un giallo per domarli tutti. Ecco perché 7 Nazionali rinunceranno alla fascia arcobaleno

Alla fine ha vinto la FIFA, ma quella scritta oggi è l'ennesima brutta pagina nel libro nero di Qatar 2022. Una competizione iniziata ufficialmente ieri con la sfida tra i padroni di casa e l'Ecuador ma che fa discutere da tempo, tra diritti violati, accuse di corruzione e altre situazioni poco limpide. L'ultima polemica riguarda la fascia con la scritta "One Love", che i capitani di sette Nazionali avrebbero voluto indossare durante il torneo. Un gesto nobile, a sostegno dell'inclusione e in particolare della comunità LGBTQ+; in Qatar, però, l'omosessualità è illegale e così il massimo organismo calcistico mondiale ha deciso di evitare qualsiasi tipo di problema minacciando Olanda, Inghilterra, Galles, Belgio, Svizzera, Germania e Danimarca: i capitani sarebbero stati ammoniti al fischio di inizio se avessero indossato la fascia arcobaleno.

Una decisione "storica", ovviamente contestata dalle suddette Federazioni, che hanno deciso di diffondere un comunicato per denunciare l'accaduto e in cui ribadiscono quale sia la priorità: vincere le partite e non incorrere in sanzioni di campo "mai viste prima". Da questa storia non esce bene nessuno; a prevalere, ancora una volta, sono gli interessi economici e politici più che l'aspetto sportivo.