Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / frosinone / News
Nazionale, Imparato: "Esordi dei calciatori di B? sappiamo l’emergenza in cui si trova il calcio italiano"
sabato 25 giugno 2022, 16:30News
di Tuttofrosinone Redazione
per Tuttofrosinone.com

Nazionale, Imparato: "Esordi dei calciatori di B? sappiamo l’emergenza in cui si trova il calcio italiano"...

Venendo al presente, per molti addetti ai lavori questa serie B, col passare degli anni, somiglia sempre più ad una serie A2. Il riscontro lo abbiamo ad esempio dalle ultime partite della Nazionale, dove Roberto Mancini ha fatto esordire giocatori provenienti dalla serie B, quali Gatti, Zerbin, Esposito. Concordi su questa corrente di pensiero?

“Si, posso essere d’accordo nel definire una specie di - A2 – questa Serie B, non fa testo però il fatto che Roberto Mancini abbia pescato tra i cadetti perché sappiamo l’emergenza in cui si trova il calcio italiano.  Sarebbe stato davvero intrigante se le scelte del Ct azzurro, pescate dalla Serie B, avessero davvero inficiato la bontà dei giocatori che disputano la massima Serie, sono soltanto esperimenti però e debutti mirati. Io invece vorrei che in questa Serie B sbucassero allenatori con idee nuove, squadre che corressero molto ma molto di più della media e dei ritmi visti in B, ma soprattutto nel campionato di A. – Ormai si gioca quasi passeggiando -, copiando un po' quelle squadre straniere che corrono per cento minuti e fanno della velocità la loro arma migliore, così come mi augurerei qualche esplorazione tattica (di modulo o quant’altro), innovativa e intrigante" queste le parole ai nostri taccuini di Gaetano Imparato, apprezzato inviato e firma storica della Gazzetta dello Sport.