Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Jacobelli: "I numeri dell'Inter fanno impressione. Marotta e Ausilio non vengono lodati abbastanza"TUTTO mercato WEB
mercoledì 28 febbraio 2024, 13:12News
di Adele Nuara
per Linterista.it

Jacobelli: "I numeri dell'Inter fanno impressione. Marotta e Ausilio non vengono lodati abbastanza"

Ai microfoni di TMW Radio, nel corso dell'appuntamento con L'Editoriale, Xavier Jacobelli ha parlato, tra le altre cose, della gara di stasera tra Inter e Atalanta: "Questo calendario intasato è il frutto anche della Supercoppa giocata in Arabia a gennaio e non ad agosto. Gasperini può contare su una rosa molto ampia anche se stasera affronterà un avversario tostissimo come l'Inter, squadra col miglior attacco, miglior difesa e reduce da dieci vittorie nelle ultime dieci partite. È chiaro che sia l'Inter la favorita ma vedremo cosa accadrà stasera".

Inzaghi deve temere l'Atalanta?
"Io mi soffermerei sui numeri dell'Inter: se guardiamo alla classifica delle classifiche, tenendo in considerazione tutte le prime della classe europee, l'Inter è sopra a tutte, sebbene di una lunghezza. Quei 66 punti in 25 partite, con 63 gol segnati e 12 subiti, la dicono lunga sul tipo di stagione vissuta da Simone Inzaghi e sulle possibilità del passaggio del turno in Champions League. Ho letto le parole al miele di Guardiola su Inzaghi in cui ha anche pronosticato un futuro sempre più roseo per la squadre milanese e la gara di stasera serve al tecnico anche per capire che tipo di risposte avrà dalle riserve che a Lecce hanno risposto presente".

Il segreto dell'Inter è il centrocampo?
"L'obiettivo dell'Inter è quello di migliorare i risultati dello scorso anno e parlo di Istanbul, dove i nerazzurro hanno capito di essere davvero forti. Poi le operazioni di mercato di Ausilio e Marotta: credo non si lodino abbastanza perché riuscire a portare a parametro zero calciatori del calibro di Calhanoglu, Mkhitaryan fino a Thuram significa avere una conoscenza del mercato nazionale e internazionale a 360°".