Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Calhanoglu: "Al Milan non ero pronto per fare il regista, all'Inter era il momento giusto"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 22 febbraio 2024, 14:20News
di Marco Corradi
per Linterista.it

Calhanoglu: "Al Milan non ero pronto per fare il regista, all'Inter era il momento giusto"

Nel suo intervento ai microfoni di DAZN, Hakan Calhanoglu racconta il suo cambio di posizione e il passaggio a regista: "Al Milan non ero pronto, quando è successo qui lo ero. Ho detto subito sì al mister, perché volevo mettermi alla prova. Quando hai l'età giusta cambiare posizione ti pesa meno, è stato un momento fondamentale nel mio percorso. Il lancio a Dimarco contro la Juventus? Io cercherò sempre in campo questo tipo di passaggi, non mi piace gestire sempre. Mi piace verticalizzare subito, giocare veloce perché abbiamo giocatori che vanno in profondità. Qui avevo già visto Dimash che correva prima di ricevere il pallone, i miei compagni sanno che questi palloni arrivano. Purtroppo Marcus non ha segnato ma è stata una buona azione".

Tu sapevi già che lì c'era Dimarco, è l'emblema di come giocate. Sapete già in anticipo i movimenti, è tutto codificato.

"Conosciamo le nostre qualità. Ora siamo insieme da tre anni e ogni anno ci conosciamo meglio. Loro conoscono le mie qualità, io conosco le loro e in campo si vede".

La sensazione è che tu ti diverta a fare scivolate e tackle.

"Sì, mi piace ed è meglio se prendo il pallone. Mi piace correre e lavorare, credo che se sono diventato così importante è perché ho fatto tanti sacrifici. Mi diverte fare queste cose".