Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Lautaro: "L'Inter è casa mia. I gol più importanti quelli contro Juve e Fiorentina"
martedì 21 maggio 2024, 09:33News
di Adele Nuara
per Linterista.it

Lautaro: "L'Inter è casa mia. I gol più importanti quelli contro Juve e Fiorentina"

Nel corso di una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport, il capitano nerazzurro Lautaro Martinez ha parlato dell'Inter e della stagione da leader che ha portato alla seconda stella: "È una gioia per la vita, io considero l’Inter semplicemente casa. L’ho sentita proprio così dal giorno 1 ed è forte anche il legame con Milano: qui c’è una atmosfera speciale, qui crescono i miei figli, qui mia moglie ha un ristorante. Qui sento l’amore della gente. Devo tutto alla società e al popolo interista: mi sono stati dall’inizio vicini, solo grazie a loro sono riuscito a diventare capitano, che è onore e responsabilità. Alzare la coppa della seconda stella con la fascia è un sogno che mi ha dato il calcio".

L'argentino ha parlato dei gol più importanti in stagione e anche del periodo di magra: "Cosa ho aggiunto quest'anno? Qualche movimento nuovo perché prima giocavo da seconda punta, mentre quest’anno ho fatto il centravanti con Thuram che cercava la profondità e dialogava con gli altri. I gol più importanti sono stati a Torino con la Juve e a Firenze dopo la Supercoppa, quando avevamo tante assenze ed eravamo stati superati in testa: lì abbiamo dato un segnale decisivo - ha affermato Lautaro -. Da febbraio ho segnato meno, è vero, ma non va guardato solo il gol che a volte non arriva: conta quante occasioni generi, il bene che produci per la squadra. Certo che dovrei migliorare ed evitare questi momenti, ma anche quando la palla non entra aiuto sempre e non mi risparmio".