Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Juan Jesus confessa: "Cinque anni bellissimi all'Inter. Lucio? Il mio idolo per il Triplete"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 28 maggio 2024, 18:11News
di Yvonne Alessandro
per Linterista.it

Juan Jesus confessa: "Cinque anni bellissimi all'Inter. Lucio? Il mio idolo per il Triplete"

L'Inter non si dimentica. Non lo fa nemmeno Juan Jesus, difensore verdeoro del Napoli che nell'intervista rilasciata a Betsson Sport ha ammesso quanto sia stato segnato dalle precedenti esperienze in Serie A rispetto a quella attuale: "Ho fatto 5 anni bellissimi in nerazzurro e 5 anni bellissimi in giallorosso, adesso sono qua a Napoli da 3 anni, ho vinto lo scudetto 33 anni dopo l'ultima volta. Penso di aver fatto una bellissima carriera".

A chi può paragonarsi del passato. Chi sono stati i riferimenti?

"Io all'inizio ero molto simile a Lucio, per me era un punto di riferimento. In Nazionale da giovane ci paragonavano, forse perché ero un po' più alto, forte fisicamente, rubavo palla, dribblavo tutti. Poi abbiamo giocato insieme all'Inter, per me è stato un onore. Oggi somiglio più a Juan che giocava nella Roma, che è più cauto, più tattico, più tecnico. Dopo 10 anni di carriera si cresce, si impara, mi tengo loro due come punti di riferimento anche se loro hanno vinto tutto".

Il suo idolo brasiliano?

"L’ho nominato prima: Lucio. Negli anni in cui andava fortissimo al Bayern Monaco, per me era una leggenda. Ho avuto il piacere di giocare e allenarmi con lui, ho coronato il mio sogno. L'ho seguito per tanti anni. Per la carriera che ha fatto, i trofei che ha vinto, il Triplete con l'Inter: per me è un idolo".