Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Volpi, medico dell'Inter: "L'infortunio di Ronaldo? Oggi verrebbe affrontato in maniera più spedita"TUTTO mercato WEB
giovedì 30 maggio 2024, 10:19News
di Adele Nuara
per Linterista.it

Volpi, medico dell'Inter: "L'infortunio di Ronaldo? Oggi verrebbe affrontato in maniera più spedita"

Nel corso di una lunga intervista al Corriere della Sera, Piero Volpi, lo storico responsabile del settore sanitario dell'Inter, ha parlato dei casi Ronaldo, Eriksen e Kanu: "Sì, hanno segnato delle epoche per la medicina sportiva. Non si pensava che un giocatore del livello di Kanu, reduce da una finale olimpica, potesse avere una patologia di quel tipo. Ma fu eclatante anche il trattamento chirurgico al cuore a cui fu sottoposto: un miracolo della medicina sportiva. Il caso Ronaldo nel 2024 forse con la moderna chirurgia del ginocchio verrebbe affrontato in maniera più spedita. Eriksen è un caso più recente: a fare la differenza è stata la grande capacità organizzativa e di soccorso dell’ambiente". 

Come ha vissuto il caso del romanista Ndicka?
"Con preoccupazione, perché non era chiaro se ci fossero problemi cardiaci. Quando finisce tutto bene tutti sono soddisfatti dei protocolli seguiti"

In cosa si può migliorare dal punto di vista medico?
"Il futuro è interfacciare dati innumerevoli per far sì che il giocatore possa avere il rendimento migliore. Ma ci sono anche dati che non si vedono: lo star bene in gruppo, come nell’inter quest’anno, non è scontato e fa la differenza, perché si abbassa lo stress psicofisico, aumentato anche dai calendari".