Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Sacchi punge: "L'Inter ha vinto dominando, ma in Champions League poteva fare di più"TUTTO mercato WEB
venerdì 14 giugno 2024, 20:42News
di Marco Pieracci
per Linterista.it

Sacchi punge: "L'Inter ha vinto dominando, ma in Champions League poteva fare di più"

Dal palco della Milano Football Week, organizzata da La Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi si sofferma sulle prospettive azzurre alla vigilia dell'esordio nel campionato Europeo in Germania: "Veniamo da un momento non buono, può succedere che arrivino un fortissimo spirito di squadra e un gioco. Se ci riusciremo - riporta TMW - come azzurri potremo mettere in difficoltà chiunque. La nostra è una scuola che non ha avuto scuola, non giochiamo tutti allo stesso modo e oggi ci sono tanti, troppi stranieri. Una volta prendevi il blocco di chi giocava bene, l’Inter o la Juve: oggi non ci sono più blocchi. Però sono curioso: se tutti daranno il massimo, riusciranno a nascondere i limiti. Dipende anche dalla stampa: se noi, che per otto anni non siamo andati ai mondiali, continuiamo a dire che dobbiamo vincere, allora vuol dire essere presuntuosi. E non dobbiamo esserlo”.

Pensando al prossimo campionato, l’Inter dà l’impressione di essere davanti a tutti.

“Sì, ha giocato bene: noi siamo molto attenti e quindi dico che poteva fare di più. Ha vinto dominando, ha perso però in Champions League. Penso all’Italia che sfiderà la Spagna: gli spagnoli, se gli dai spazio, mettono la palla dove vogliono loro. Quando andai all’Atletico, mi meravigliai delle loro qualità tecniche”.